Cronaca

Canicattini Bagni, omicidio Petrolito, sequestro conservativo per un milione di euro a carico dell’indagato

CANICATTINI BAGNI – Questa mattina la Guardia di finanza di Siracusa, a seguito degli accertamenti patrimoniali esperiti su delega della locale Procura aretusea, ha eseguito un provvedimento di sequestro conservativo nei confronti di Paolo Cugno, il ventisettenne canicattinese in stato di custodia cautelare in carcere per l’omicidio dell’ex compagna Laura Petrolito, avvenuto lo scorso marzo a Canicattini Bagni.

Gli accertamenti eseguiti dalla Compagnia di Siracusa, mediante l’utilizzo di moderni software investigativi utilizzati per l’emersione dei patrimoni illeciti detenuti nonché l’utilizzo delle banche dati in uso al Corpo, avrebbero permesso di individuare e ricostruire il patrimonio dell’indagato.

Sulla base delle modifiche introdotte dalla legge 11 gennaio 2018 n. 4, il procuratore della Repubblica Francesco Paolo Giordano che ha coordinato le indagini e il sostituto procuratore Marco Dragonetti che le ha dirette, hanno richiesto al gip di Siracusa Andrea Migneco l’emissione dell’ordinanza di sequestro conservativo, a garanzia del risarcimento delle parti offese, per un valore complessivo di un milione di euro, che è stato ottenuto ed eseguito su tutti i beni (mobili, immobili, conti correnti e ogni altra utilità) di proprietà del ventisettenne.

(foto di repertorio)


Nessuna immagine trovata

In alto