Sport

Ciclismo, il siracusano Gazzara trionfa ancora al Giro del Medio Brenta

SIRACUSA – Michele Gazzara del team “Sangemini MK Vis Olmo”, siracusano classe 1990, che vive a Canicattini Bagni, trionfa al prestigioso “Giro del Medio Brenta”, la scorsa domenica 9 luglio, ripetendo così l’exploit della vittoria della edizione del “trentennale” 2015.

Iscritti 184 corridori, facenti parte di 26 tra le maggiori squadre italiane e straniere (anche selezioni nazionali) alla celebre classica estiva padovano-vicentina élite Under 23 – classe 1.2 (Open – aperta ai professionisti), svoltasi lungo lo spettacolare tragitto dalla partenza di Villa del Conte (Padova) al circuito-finale sull’Altopiano di Asiago con il traguardo a Gallio (Vicenza).

Il corridore siculo rimette il sigillo nel ricco albo d’oro (che riporta i nomi di vari campioni, tra cui i vincitori del “Giro d’Italia” Gilberto Simoni e Damiano Cunego) della corsa organizzata dal “Veloce Club Villa del Conte” presieduto dall’ingegnere Michele Michielon, davanti ai combattivi compagni di giornata Ghebreigzabhier, Garosio, Rubio.

Eccellente il meteo per tutta la gara, che, partita sotto un cielo terso e un caldissimo clima soleggiato, anche in quota si manteneva favorevole con una fresca e ventilata temperatura e tamponando le nuvole all’orizzonte, permettendo inoltre un notevole colpo d’occhio di assiepato pubblico, già folto lungo tutto il tragitto con rapidi spostamenti dalla pianura in montagna, ove sono stati allestiti anche speciali e prelibati “raduni e gazebi culinari” di tanti tifosi e amici sportivi.

Stupendo l’arrivo finale con un terzetto sgranato e Gazzara trionfatore solitario (come nel 2015) a braccia alzate su  Ghebreigzabhier, Garosio e Rubio e via via il resto del gruppo. Il festoso cerimoniale è stato organizzato in piazza Giardini in via IV Novembre a lato del Municipio, con molte autorità, ospiti, dirigenti, e il quartiere-tappa e logistico all’Ufficio turistico e Palestra comunale.

La corsa era valida come seconda prova del Trofeo Internazionale Grand Prix Città Murata presieduto dall’avvocato Enzo Conte e diretto da Pierluigi Basso, supervisore tecnico di gara. Fondamentale il ruolo, nell’impegnativo tracciato turistico-festivo, svolto dalle forze dell’ordine, assieme ad associazioni, gruppi, volontari, scesi in campo per assicurare il miglior svolgimento possibile della manifestazione al vertice del calendario ciclistico internazionale Fci e Uci, che ha confermato in pieno gli elevati requisiti agonistici e spessore organizzativo, che la pongono tra le gare “regine” a livello internazionale di categoria.


In alto