Salute & Benessere

Come scegliere il passeggino: più leggeri, più felici

La nascita di un figlio rappresenta uno dei momenti più felici della vita di una coppia ma, una volta metabolizzate emozioni e gioie, è necessario anche essere ben focalizzati sugli aspetti pratici, ovvero sull’acquisto di tutti quei prodotti che sono indispensabili nell’accompagnare i primi mesi e anni di vita del bambino. Una volta che il piccolo comincia ad avvicinarsi all’anno di età, per esempio, bisogna entrare nell’ordine di idee di acquistare un passeggino, compagno inseparabile di ogni uscita con mamma e papà.

Sappiamo bene come i marciapiedi della città siano una sorta di giungla, tra lavori in corso, macchine parcheggiate in qualche modo, dislivelli e strettoie. Nella scelta di un prodotto di questo tipo, dunque, meglio indirizzarsi verso un modello che abbia nella maneggevolezza e nella semplicità di controllo i suoi principali punti di forza. Ma un passeggino non si utilizza solo nei dintorni di casa, anzi, spesso è indispensabile per ospitare il bambino durante una gita fuoriporta, una passeggiata in campagna o una visita agli amici.

Una scelta saggia, dunque, potrebbe essere quella di puntare su un passeggino leggero, ovvero un modello che abbia un peso contenuto – diciamo tra i 5 e i 7 chilogrammi – e un meccanismo di apertura e chiusura intuitivo. La combinazione tra questi due fattori, infatti, permette di chiudere il passeggino con una mano, di sollevarlo senza affanni o rischi per la schiena, già messa a dura prova dai primi passi del bambino, e di caricarlo nel bagagliaio dell’auto.

Se leggerezza e praticità si collocano in cima alla classifica delle caratteristiche che non possono mancare in un passeggino, non dobbiamo dimenticare che stiamo parlando di un prodotto destinato a ospitare un bimbo. Ecco dunque che la sicurezza deve necessariamente rivestire un ruolo di primo piano. I migliori modelli in vendita sono studiati per offrire una seduta confortevole al piccolo passeggero, per assicurare che ogni parte potenzialmente pericolosa sia adeguatamente protetta e per offrire un telaio rinforzato, capace di sopportare il carico (di solito fino a 3 anni di età e comunque non oltre i 15 chilogrammi) e le asperità del terreno. Da questo punto di vista anche le ruote giocano un ruolo fondamentale, rendendo più o meno agevoli i cambi di direzione.

Sul mercato si trovano modelli più tradizionali, a quattro ruote, due delle quali meglio che siano piroettanti e due dotate di freno, o più innovativi, a tre ruote, tipicamente con un diametro superiore.

Le esigenze di un bimbo non si limitano solo a uno spazio dove posizionarsi durante gli spostamenti a piedi ma è facile immaginare che, nel corso di una passeggiata, voglia bere, abbia bisogno di essere cambiato o desideri giocare con il proprio pupazzo preferito. Meglio dunque optare per un passeggino leggero che sia dotato di uno spazio sotto la seduta nel quale collocare quanto può essere utile nonché di una zona in corrispondenza dei manici alla quale ancorare in modo agevole una borsa con il ricambio di pannolini e di salviette.

(foto generica)


In alto