Cronaca

Evade da comunità terapeutica avolese e ruba un’auto, fuggitivo arrestato a Priolo

AVOLA – Intorno alle ore 15,30 di ieri, il Commissariato di pubblica sicurezza di Avola è stato informato da personale di una comunità terapeutica di Avola che il 46enne siracusano Francesco Benvenuto, sottoposto al regime della detenzione domiciliare nella struttura, aveva eluso la vigilanza del personale addetto e si era dileguato.

Secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine, il Benvenuto, dopo aver sottratto l’autovettura a un passante, si sarebbe diretto a tutta velocità in direzione dello svincolo autostradale. Immediatamente il personale della Polizia di Stato del Commissariato di Avola, gli agenti della Squadra mobile, le volanti dell’Ufficio prevenzione e soccorso pubblico di Siracusa si sono adoperati a contattare parenti e conoscenti al fine di acquisire informazioni sul fuggitivo e sul suo possibile nascondiglio.

Anche personale del Commissariato di Priolo Gargallo ha partecipato alle ricerche fino a tarda serata, quando un agente di questo Commissariato libero dal servizio, percorrendo via Agro Priolese, ha notato transitare l’autovettura segnalata con a bordo il ricercato. Pertanto, dopo avere avvertito i colleghi, l’operatore di Polizia si è posto al seguito dell’auto, fino al momento in cui il conducente, dopo avere arrestato la marcia, è sceso dall’autoveicolo. A quel punto l’agente, dopo essersi qualificato, si è avvicinato al Benvenuto, tentando di bloccarlo. L’intervento ha provocato la fuga a piedi, ma dopo alcune decine di metri è stato immobilizzato, a fatica. Infatti il 46enne avrebbe cercato con calci e pugni di divincolarsi, agitandosi in modo violento, ma l’agente intervenuto sarebbe riuscito a schivare i colpi, ad atterrarlo e immobilizzarlo.

Il Benvenuto è stato pertanto tratto in arresto nella flagranza di evasione, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, nonché di furto aggravato. Nella circostanza, l’autovettura è stata restituita al legittimo proprietario, mentre dell’avvenuto arresto è stata data notizia al sostituto procuratore della Repubblica di Siracusa, Salvatore Grillo, il quale ha disposto che l’arrestato, dopo le incombenze di rito, venisse tradotto al carcere di Cavadonna.

(foto di repertorio)


Nessuna immagine trovata

In alto