Cultura

Floridia, concerto del maestro Nicolò Iucolano al Centro artistico culturale “G. Ierna”

FLORIDIA – Il Centro Artistico Culturale “G. Ierna” di Floridia ha ospitato un’alta personalità in campo musicale: Nicolò Iucolano. Floridiano di nascita, ha curato la sua formazione professionale a Roma come pianista, compositore e direttore d’orchestra e di coro. Docente nei conservatori di Pescara, Matera, Avellino, Frosinone, ha fondato e diretto il “BARTOK Ensemble” e il Concorso europeo “BELA BARTOK”. Ha collaborato con cantanti lirici di chiara fama come Renato Bruson, Giuseppe Taddei e Rolando Panerai. Dal 2008 dirige il Coro di Voci bianche del Conservatorio di Latina dove è titolare di “ Teoria, ritmica e percezione musicale. Ha diretto il “Campanello” e il “ Don Pasquale” di Donizetti e il “ Don Giovanni” di Mozart. E’ Autore del testo e della musica dell’Opera epica “L’aquila e i girasoli” commissionatagli dal governo coreano. E’ autore di musica sinfonica e da camera. Nel corso del Concerto, durante il quale ha accompagnato il soprano Gaia Gallitto, giovane promessa della lirica, ha presentato un programma da lui intitolato “IL VIAGGO”. Infatti, come ha commentato egli stesso, il Concerto rappresenta il percorso di un viaggio interiore in terre lontane oppure il ritorno alla propria terra natia vista con occhi nuovi. È l’idea dell’uomo viandante che è sempre vivo grazie alla sua sete di conoscenza. L’abilità pianistica del Maestro Iucolano si è resa manifesta nell’esecuzione di brani di Satie, Joplin, Chopin, Piazzolla e in brani di sua composizione molto originali.

Nei momenti in cui il Maestro ha accompagnato il soprano Gaia Gallitto è rientrato nella nostra tradizione musicale eseguendo brani lirici di opere di Bellini, Donizetti, Puccini. La giovanissima Gaia Gallitto incanta sempre l’uditorio per la sua voce limpida, l’abilità tecnica ed espressiva che testimonia la sua formazione e competenza professionale. Infatti, è già stata apprezzata in molti Teatri dove ha interpretato ruoli impegnativi come quello di Adina, nell’Elisir d’amore di Donizetti, grazie anche al suo Maestro Marcello Giordani che la valorizza e promuove.

 


In alto