Politica

Floridia, consiglio comunale, salta l’elezione del presidente

FLORIDIA – Inizia con un rinvio la prima seduta del consiglio comunale di Floridia che doveva procedere alla elezione del presidente e del vice presidente. Ma a quanto pare qualcosa nelle ultime ore è cambiato all’interno della maggioranza che sostiene il sindaco Gianni Limoli. La seduta presieduta dal consigliere anziano per voti Marco Carianni è andata liscia fino al momento dell’elezione del presidente del Consiglio. A questo punto il consigliere di Floridia Libera Peppe Tata chiede cinque minuti di sospensione per una riunione con i consiglieri comunali di maggioranza. Si evince che qualcosa non quadra. Al rientro in aula il consigliere Sandro Beltrami chiede il rinvio della seduta ma la proposta viene ritirata su invito del consigliere Gaetano Vassallo.

Da qui parte una seconda sospensione per 15 minuti  in modo tale che la maggioranza possa trovare la soluzione e si possa votare il presidente. Ma niente, al rientro in aula la consigliera del movimento cinque stelle chiede lei un rinvio della seduta a martedì affinché i consiglieri di maggioranza trovino l’accordo e ritornino in aula con le idee più chiari. Di parere opposto il consigliere comunale Gaetano Vassallo contrario al rinvio e che la seduta doveva terminare con la elezione del presidente.

Il sindaco vista la situazione venutasi a creare invita i consiglieri comunali a restare in aula e votare il Presidente di qualunque colore politico fosse stato dichiarando: “Stasera bisogna eleggere i vertici dell’assemblea, non importa se possano essere esponenti della maggioranza o dell’opposizione”.

Il consigliere Gaetano Vassallo dopo la seduta ci ha dichiarato: “Io sono sinceramente allibito. Innanzitutto provo una forte vergogna nei confronti dei cittadini che erano così numerosi al consiglio comunale. Si è appena conclusa la campagna elettorale è questo lo spettacolo che come prima uscita pubblica si riesce a dare. Non vi nascondo che provo anche una certa vicinanza umana nei confronti del sindaco che questa sera si è visto bocciato dalla sua stessa maggioranza la proposta di non votare il rinvio. Secondo me quello che è accaduto politicamente è una cosa gravissima. Un sindaco appena eletto, un’amministrazione appena formata da una coalizione appena insediatasi che respinge una proposta del suo leader. Secondo me hanno molto da riflettere. Non capisco la posizione del movimento cinque stelle questa sera che ha sostanzialmente fatto un assist alla maggioranza di governo proponendo la sospensione della seduta”. Sulla ipotesi di un’apertura di consultazioni il consigliere Vassallo ha risposto: “Questa sarebbe una discussione diversa perché la proposta della vicepresidenza del consiglio non nasce da un ragionamento politico chiaro, preciso fra maggioranza e opposizione nasce da un diniego a cui sinceramente noi non siamo assolutamente interessati perché a nostro avviso i cittadini si sono espressi, hanno espresso una maggioranza ed è giusto che questa maggioranza esprima con i numeri  quello che gli tocca”.

La consigliera Monica Infalletta che ha proposto il rinvio dichiara: “Non c’è una maggioranza a venti giorni dalle elezioni non hanno fatto la quadra pertanto uno spettacolo indecoroso non può continuare si chiariscono le idee e tornano quando le idee sono chiare”.

La seduta è stata rinviata a martedì sera alle ore 20,30.


In alto