Cultura

Floridia, successo per la commedia “Chista sì ca ci vuleva… ‘U difettu nun è malatia”

FLORIDIA – Ha riscosso un ottimo successi la commedia teatrale dal titolo “Chista si ca ci vuleva. ‘U difettu nun è malatia” scritta da Marianella Mangiafico Valenti. La commedia è stata organizzata dalla Fidapa di Floridia e si è svolta nei locali del Circolo di Cultura “B. Croce”. Una commedia divertente che ha fatto divertire il pubblico.

“E’ ormai tradizione della Fidapa trascorrere il giovedì grasso insieme con la visione di un’opera teatrale. Non siamo degli attori – dichiara la presidente della Fidapa Melina Saglimbene – le nostre amiche e i nostri amici si sono messi in gioco e oggi hanno messo i panni degli attori”.

Marianella Mangiafico Valenti: “Spronata da un’amica è venuta fuori una commedia in tre atti: “Chista si ca ci vuleva..’U difettu nun è malatia”. Il gruppo amatoriale stabile metterà in scena una commedia ambientata negli anni ottanta. Come ben sapete sono gli anni della speranza, dei cambiamenti. Ma aggiungerei anche dei miti e dei ricordi. Capelli cotonati, vestiti coloratissimi, la vesta era uno status simbol del giovanotto. Ebbene, anche un’epoca nella quale una buona parte della società “acculturata” si era sprovincializzata. Ma non mancano -aggiunge la scrittrice- le figure riconoscibili per certe sbavature estetiche e culturali. Questo è il caso della commedia di stasera dove Provvidenza la moglie del professore Angelino Spampinato. E’ una donna benestante, ricca ma anche ignorantella. Intorno alla famiglia Spampinato interagiscono personaggi che arricchiscono soprattutto la scena e non mancano gli equivoci fino a toccare il paradosso, il grottesco. Così come sono ricorrenti anche i termini dialettali, gercali che ci fanno riscoprire il senso di appartenenza: la nostra sicilianità”.

Il cast è composto da: Emilio Giarratana (Angelino: il professore), Maria Burgio (Provvidenza: la moglie ), Fabiola Guarino (Fede: la figlia), Carmela Latina (Clementina: sorella del professore), Andrea Mineo (Santo: fidanzato di Fede), Giovanna Urso (Tatiana: madre di Santo il fidanzato), Lucia Germano (Maricchia), Cetty Bruno ( Cornelia), Vito Polisano (Pietro:Marchese), Mariella Moscatt (Veronica: faccendiera). Scenografia di Roberta Torcasso, Musiche di Stefano Zappulla, regia Marianella Mangiafico Valenti.


In alto