Cultura

Marzamemi, fissate le date del Festival internazionale del cinema di frontiera. Nuova formula

PACHINO – Sono state fissate le date in cui si svolgerà la diciottesima edizione del Festival internazionale del Cinema di Frontiera: dal 12 al 15 settembre. Nei giorni scorsi era stato annunciato lo slittamento a settembre per due ordini di motivi.

“C’è una doppia esigenza – aveva dichiarato il sindaco, Roberto Bruno – che ci ha fatto propendere per lo spostamento della diciottesima edizione. In piena fase di destagionalizzazione che abbiamo avviato con grande impegno da parte di tutti, riteniamo che oggi il Festival debba offrire un importante attrattiva culturale diversa rispetto al passato. Si tratta di una scommessa che riteniamo possa esser vinta beneficiando Marzamemi e tutto il territorio di una manifestazione culturale tra le più importanti della Sicilia”. L’altra motivazione, già comunicata, è inerente a un eccessivo slittamento di bandi e, conseguentemente, di accesso ai contributi. “Dopo un lustro di nuova organizzazione – aveva riferito Rosita Pignanelli, presidente del cinecircolo – serve a far rifiatare le casse poiché cin consentirà di ottenere alcuni contributi di vari enti assegnati nel 2016 e nel 2017”.

Su questa nuova formula, interviene il direttore artistico. “Abbiamo previsto qualche giorno in meno di programmazione – afferma oggi Nello Correale – ma questo non vuol dire che ci saranno meno iniziative, anzi: sarà un festival più intenso, dal punto di vista delle attività e, soprattutto, dei temi, alla luce di ciò che sta succedendo in questa zona del mondo finita al centro di scontri infuocati proprio sul concetto di frontiera. Inoltre, adotteremo una formula differente rispetto a quella utilizzata negli ultimi anni”.

Il tema della “maturità” sarà “La linea d’ombra”. “Le scelte oggi – spiega il regista Correale – vanno oltre la politica, l’economia e le ideologie. Attraversano le coscienze di ognuno ed è un passaggio obbligato. Ecco che vogliamo accendere i riflettori su quel confine, su quella “linea d’ombra””.

Tra le novità del 2018 ci sarà una dislocazione delle attività all’esterno della tonnara. Gli schermi saranno collocati nelle piazze del centro storico e la Frontiera del libro, giunta alla terza edizione, diventerà itinerante sempre negli angoli più caratteristici del centro storico del borgo marinaro. Saranno previsti workshop, momenti di confronto, dibattiti ed altre attività collaterali.

Per la diciottesima edizione è confermato l’assetto organizzativo degli altri anni, con Ccn “Marzamemi” e cinecircolo Cinefrontiera, assieme agli uffici Turismo e FilmCommission del Comune di Pachino e con il sostegno di Assessorato regionale al Turismo, Ministero dei Beni e delle Attività culturali e due importanti sponsor privati: la Banca di credito cooperativo di Pachino, che ha confermato il proprio impegno, e l’azienda Dusty.

(foto di repertorio)


In alto