Cronaca

Priolo, “lancio del gatto” pubblicato sui social, identificati gli autori

PRIOLO – Nei giorni scorsi era stato pubblicato su un noto social network il video di un sadico divertimento, nel quale un povero cucciolo di gatto veniva lanciato in aria oltre una recinzione. I fatti avvenivano in territorio di Priolo e subito l’Enpa, Ente nazionale per la protezione degli animali, aveva sporto denuncia ai Carabinieri.

In data odierna i Carabinieri della Stazione di Priolo Gargallo, che avevano acquisito il filmato, a seguito delle indagini, hanno reso noto di aver identificato gli autori e i protagonisti del video. L’autrice del lancio è una minore, di 16 anni, come la seconda ragazza che si vede nel filmato, mentre la scena è stata ripresa da un altro minore, di 17 anni, di cui nel video si odono le risate, e diffusa dallo stesso sul social network.

La sedicenne che ha lanciato l’animale e il diciassettenne che ha filmato l’accaduto, incitando chiaramente l’amica a commettere la violenza, sono stati segnalati all’Autorità giudiziaria per i minorenni di Catania. Per stessa ammissione della ragazza coinvolta, la terza minore che compare nel filmato, ha invece cercato di far desistere i due amici dal sadico gioco, cercando di opporsi con decisione, ma invano, alla violenza.

I Carabinieri hanno anche chiarito che l’episodio, benché pubblicato in rete nei giorni scorsi, risale invece ai primi giorni dello scorso luglio e che si è verificato nel giardino dell’abitazione della minore, residente a Priolo. Il diciassettenne coinvolto è invece residente a Siracusa. Il lungo tempo trascorso non ha ovviamente consentito ai Carabinieri di poter verificare le conseguenze subite dal cucciolo che, a detta della minorenne in lacrime davanti ai militari, sarebbe rimasto vivo dopo la caduta.

Al momento, i Carabinieri sono convinti che i giovani protagonisti di questa triste storia, che certamente impone in altre sedi le opportune riflessioni sulle cause di certi comportamenti giovanili, non abbiano commesso altre analoghe violenze e maltrattamenti in danno di animali.

(Foto in evidenza: repertorio)


In alto