News

Randagismo, al via sterilizzazioni in ambulatori veterinari Asp di Siracusa e Noto con progetto Regione

SIRACUSA – Il Dipartimento attività sanitarie e osservatorio epidemiologico dell’assessorato regionale della Salute ha approvato un progetto specifico mirato ad un significativo incremento delle sterilizzazioni dei cani randagi liberi nel territorio e dei cani ricoverati nei canili privati detenuti per conto dei Comuni.

L’Asp di Siracusa, al fine di permettere ai Comuni del territorio aretuseo di conferire il maggior numero possibile di cani vaganti, ha attrezzato ambulatori veterinari per le sterilizzazioni operativi da oggi tutti i giorni feriali settimanali. Ne dà notizia il commissario straordinario dell’Asp di Siracusa, Salvatore Lucio Ficarra.

Con una nota inviata ai sindaci dei Comuni del territorio siracusano, il direttore dell’Unità operativa Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche dell’Asp di Siracusa, Sebastiano Ficara, ha indicato modalità e procedure da adottare per gli interventi di sterilizzazione da effettuare negli ambulatori veterinari dell’Asp di Siracusa ubicati nel capoluogo nell’area ex Onp di contrada Pizzuta, e a Noto in via Montessori 1.

Le strutture erogheranno interventi di isterectomia e orchiectomia e non le successive fasi di post operatorio. La convalescenza fino alla reimmissione nel sito di provenienza dell’animale, se di indole docile, o la adozione, deve essere effettuata come previsto dal decreto del presidente della Regione siciliana n. 7 del 2007.

Le attività di sterilizzazione già erogate dal Distretto veterinario nell’anno 2018, effettuate in ambulatori privati in convenzione con le Amministrazioni comunali, continueranno, se richieste dai Comuni, anche nell’anno 2019.

Per gli interventi da effettuare negli ambulatori di Siracusa e Noto, le richieste di sterilizzazione dovranno pervenire entro sette giorni lavorativi all’indirizzo mail (invia pec) corredate di tutta la documentazione attestante che si tratta di animale vagante randagio, complete di nominativo e recapito telefonico del tutor che accompagnerà l’animale e che, dopo l’intervento, riporterà i cani in idoneo luogo in cui verrà garantito il post operatorio fino alla successiva destinazione.

“Raccolte le comunicazioni – assicura il direttore dell’Unità operativa Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche, Sebastiano Ficara – stiamo provvedendo ad organizzare sedute giornaliere mirate ad effettuare il maggior numero di interventi possibili. Considerato che il progetto prevede anche di poter effettuare la sterilizzazione dei cani presenti nei canili in convenzione con le Amministrazioni comunali, abbiamo proposto alle stesse di valutare la possibilità di fare pervenire nell’ambulatorio di Siracusa, in assenza di cani liberi vaganti, gruppi di animali attualmente ospitati nei canili convenzionati e non ancora sterilizzati”.

(Foto generica)


In alto