Cronaca

Siracusa, arresto Longo: il Csm deciderà sulla sospensione. Fissata la data

SIRACUSA – C’è una data sul pronunciamento del Csm riguardo alla sospensione dell’ex pm Giancarlo Longo. La sezione disciplinare del Csm si pronuncerà giovedì 15: la richiesta, formulata dal Pg della Cassazione Riccardo Fuzio, è di sospendere dalle funzioni di giudice e dallo stipendio l’ex pm di Siracusa Longo, in carcere con le accuse di associazione a delinquere, falso e corruzione.

La decisione, che sarà presa in camera di consiglio, cioè a porte chiuse, appare scontata perché la sospensione e il collocamento fuori dal ruolo della magistratura costituiscono un atto dovuto tutte le volte che un magistrato venga sottoposto a misure cautelari personali. Longo, che era stato trasferito a Napoli dove da luglio scorso svolge le funzioni di giudice civile, è agli arresti da martedì nel carcere di Poggioreale.

Stando a quanto emerge dall’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa nei suoi confronti insieme a altre 14 persone, sarebbe parte integrante di un’associazione a delinquere. Per anni avrebbe messo a disposizione la sua funzione giudiziale, in cambio di soldi, per aiutare i clienti dei due avvocati siracusani Piero Amara e Giuseppe Calafiore, raggiunti anche loro da provvedimenti restrittivi.


In alto