Politica

Siracusa, asili nido comunali al palo, intervengono Fratelli d’Italia e Prossima

SIRACUSA – Inizia il nuovo anno scolastico e il Comune deve completare le procedure per l’affidamento del servizio di asilo nido, dopo che il precedente appalto è scaduto lo scorso giugno. Non ci sono ancora certezze sui tempi per la riapertura, al momento prevista entro ottobre, sulla base di rassicurazioni da parte dell’amministrazione comunale.

Il partito di Fratelli d’Italia, attraverso una nota, esprime la propria “piena solidarietà ai genitori dei 500 bambini che fino a metà ottobre non potranno usufruire del servizio di asilo nido comunale ed anche alle maestre e agli operatori tutti di queste strutture”.

“Consapevole che un punto fondamentale del programma di partito a livello nazionale – prosegue il comunicato – è proprio la tutela dei bambini e l’incentivo alla natalità con previsione di asili nido gratuiti, Fratelli d’Italia non può rimanere inerte davanti a questa pesante inefficienza del Comune e si pone a fianco di genitori e maestre affinché il problema non venga accantonato dall’amministrazione”.

“Sarà nostra premura – afferma nel comunicato il commissario provinciale del partito, Giuseppe Napoli, congiuntamente alle dirigenti provinciali Emiliana Carpinteri e Silvia Margherita – continuare a vigilare affinché quanto annunciato oggi dal sindaco Italia non rimanga una mera promessa”.

Interviene sulle problematiche insolute alla riapertura delle scuole e sullo stallo provvisorio per i nove asili nido comunali, anche il movimento “Prossima“, fondato nel corso dell’ultima campagna elettorale dall’ex assessore comunale della giunta Garozzo, Valeria Troia.

“Le vicende riguardanti gli asili nido, la refezione scolastica ed il mancato avvio dei servizi Asacom e trasporto degli alunni disabili, ai quali si aggiunge la mancata assegnazione ai bambini degli insegnanti di sostegno, sono i punti dolenti di questo settembre – si legge nel comunicato stampa di “Prossima” – Il mondo della scuola, come detto più volte, deve restare prioritario nell’agenda di qualsiasi amministrazione”.

“Per quanto riguarda gli asili nido – sollecita il movimento – chiediamo che i funzionari velocizzino le verifiche necessarie al riavvio del servizio nei locali comunali. Se resta impossibile ipotizzare una gestione in house degli asili, è altrettanto necessario fare presto e recuperare quel tempo che, probabilmente, si è perduto negli ultimi mesi”.

Infine lancia un appello per il bando comunale sulla refezione scolastica: “Per il servizio di refezione scolastica, che questo Comune, con grande senso di responsabilità, ha digitalizzato negli ultimi anni coinvolgendo anche, primo in Sicilia, insegnanti e genitori nella formazione della Commissione mensa, facciamo appello a questa amministrazione affinché faccia trovare pronto il nuovo Bando da pubblicare dopo l’approvazione del bilancio di previsione da parte del Consiglio comunale. Siamo certi che i consiglieri comunali tutti sapranno operare consapevolmente e rapidamente a sostegno di questo fondamentale servizio”.

(foto generica)


In alto