Elezioni amministrative 2018

Siracusa, ballottaggio, “Prossima” offre a Italia cinque punti programmatici

SIRACUSA – Fatta l’analisi del primo turno, la lista “Prossima – La città delle persone” coordinata da Valeria Troia apre al dialogo con Francesco Italia, candidato sindaco che sfiderà Ezechia Paolo Reale al ballottaggio del 24 giugno. Troia, che di Italia è stata collega nella giunta Garozzo, ha condotto la campagna elettorale da assessore designata di Fabio Moschella (giunto quarto) ma non è riuscita a portare suoi rappresentanti in consiglio comunale, avendo ottenuto la lista il 3,68 per cento dei consensi.

“Il “laboratorio politico” di Prossima – afferma Valeria Troia – continua per sviluppare il duplice mandato che ci siamo dati: presenza costante sul territorio con l’ascolto dei cittadini e interlocuzione con l’Amministrazione comunale. Per questo, da soggetto politico, esaurita la fase che ci ha visti presenti nella coalizione a sostegno di Fabio Moschella con altre due liste, responsabilmente e coerentemente presenti nel dibattito cittadino grazie alla fiducia avuta dai nostri elettori, offriamo al candidato sindaco dell’area di centro sinistra al ballottaggio, Francesco Italia, cinque punti del nostro programma che riteniamo centrali e che l’amministrazione dovrebbe avere come prioritari”.

Cinque i punti programmatici che la lista offre a Italia: “Come abbiamo già avuto modo di dire – continua Troia – il nostro movimento continua la sua azione in città e lo fa individuando, da subito, cinque ambiti programmatici di intervento da portare avanti. Riteniamo che le “case di quartiere”, il “Peba” insieme al “Pums”, la “scuola sicura”, il “piano dei mercati” e il “progetto di sistema sulla Borgata”, siano temi che l’amministrazione possa inserire, da subito, tra le linee guida della propria idea di città”.

Punti che vengono esplicitati come segue: “Il primo punto garantirà una presenza attiva all’interno dei vari quartieri privati, da quest’anno, degli uffici circoscrizionali. Per il “Piano eliminazione barriere architettoniche” e quello “Urbano per la Mobilità Sostenibile”, avvieremo una mappatura delle barriere architettoniche ancora presenti, sostenendo integrazione, partecipazione, valutazione e monitoraggio. Sulla scuola, che riteniamo centrale nel disegno di un bilancio partecipato e ragionato, saremo particolarmente presenti perché forti di una esperienza e conoscenza maturata negli ultimi tre anni. Con il quarto riusciremo a dare una identità più chiara al nostro territorio, decongestionando Ortigia, arricchendo l’offerta di altri quartieri e rilanciando il commercio di prossimità. Sulla Borgata è già pronto un progetto di sistema, studiato e provato con il contributo di architetti, che può attrarre fondi comunitari per il secondo centro storico della città”.

Valeria Troia conclude: “Queste sono le prime azioni di “Prossima”, queste sono le proposte che inviamo a Francesco Italia perché le faccia proprie. Noi, sul solco di quanto fatto fino ad oggi e responsabilmente pronti a rispondere a quanti ci hanno confermato la loro fiducia con il voto di domenica scorsa, riteniamo che in questo momento sia prioritario condividere alcune proposte programmatiche”.


Nessuna immagine trovata

In alto