News

Siracusa, Cgil, Cisl e Uil fissano appuntamento con i neo deputati regionali: “Non è più il tempo delle divisioni”

SIRACUSA – “Valorizzare le cose che uniscono e lavorare con rispetto e chiarezza su quelle che dividono, per realizzare azioni comuni. Non è più il tempo delle divisioni. Chi d’ora in poi si impegnerà, lo faccia con coerenza, lealtà e rispetto per la Sicilia e il territorio che dovrà rappresentare”. Questo l’appello che i segretari generali di Cgil, Cisl, Uil, rispettivamente Roberto Alosi, Paolo Sanzaro e Stefano Munafò, rivolgono a tutti i neo deputati siracusani all’Assemblea regionale siciliana, con l’invito a presenziare all’incontro organizzato per lunedì 27 novembre alle ore 10 nella sede Cisl di via Arsenale.

Il sindacato unitario, sulla falsariga di un recente incontro con i media del territorio che anticipava di qualche settimana le elezioni regionali per il rinnovo del Parlamento siciliano, oltre a sottolineare le priorità e le criticità del territorio siracusano, consegnando un’agenda di programma a tutti gli schieramenti, chiede ai neo deputati di siglare un “patto con tutti i cittadini e non soltanto con i propri elettori”.

“Oggi bisogna andare oltre qualsiasi “singolarismo” – dicono Alosi, Sanzaro e Munafò –. La politica ha bisogno di ritrovare la forza dell’unità di intenti attraverso una seria programmazione condivisa e obiettivi di rilancio per i territori. Il territorio siracusano, la sua valorizzazione, la sua autorevolezza, il suo rilancio, devono essere i cardini di un impegno comune che unisca tutte le parti, al di là dell’appartenenza. Questa provincia ha bisogno di ritrovare sé stessa e, soprattutto, un ruolo all’interno del sistema Regione. Questo potrà avvenire soltanto con una classe politica pronta a raccogliere le istanze, attenta ad arginare nuovi ed eventuali “assalti e appetiti” a pezzi e istituzioni della nostra economia, disponibile a confrontarsi con le forze sociali che quotidianamente vivono il dramma del lavoro che non c’è ed i problemi delle fasce più deboli”.

Ai neo deputati all’Ars, il sindacato unitario conferma, come si legge nel comunicato congiunto, “il proprio impegno e la propria disponibilità a farsi carico di iniziative comuni e azioni che ripropongano con forza il rilancio economico di questo territorio per innalzare la qualità della vita, attraverso la garanzia del lavoro, dei servizi al cittadino, della tutela ambientale, del rilancio del patrimonio storico, turistico, ambientale e paesaggistico, insieme ad una politica turistica, industriale e agricola che valorizzi le eccellenze”.

(foto di repertorio)


In alto