News

Siracusa, un corteo per la legalità il 30 novembre

SIRACUSA – Un “corteo per la legalità“, fissato per giovedì 30 novembre e indetto dalle associazioni riunitesi oggi nella sede della circoscrizione Santa Lucia. “Libera”, l’Associazione Antiracket “S. Raiti”, le realtà operanti nel volontariato e le Circoscrizioni Akradina, Grottasanta e Santa Lucia fanno fronte comune contro l’ “ondata di criminalità abbattutasi su Siracusa”, come viene reso noto attraverso il comunicato a margine.

Presenti, oltre alle associazioni che si occupano prettamente di legalità quali Libera e l’Antiracket “Raiti”, anche Angolo Siracusa, Arci Siracusa, ArciRagazzi Siracusa, Astrea “in memoria di Stefano Biondo”, Cai sezione di Siracusa, Cna, Forum delle donne, Il Principe e la Luna, Legambiente Siracusa, Lo Scrigno di Aretusa, Rifiuti Zero Siracusa, SOS Siracusa, Stonewall Glbt, Unione degli Studenti, Zuimama Arciragazzi, Presidenti dei quartieri Borgata, Akradina, Grottasanta.

Ma si sarebbero registrate da subito ulteriori adesioni. Sono stati evidenziati altresì la presenza e il contributo in idee e confronto da parte dei rappresentanti dell’associazione Antiracket “Raiti”, della Cna di Siracusa e dei presidenti dei quartieri Borgata, Akradina, Grottasanta e dei commercianti presenti.

Anche Cgil, Cisl e Uil chiamano a raccolta con un comunicato odierno la società civile, le associazioni, la politica, le istituzioni, per dare vita a una manifestazione che riaccenda i riflettori sulla legalità, che potrebbe coincidere con il corteo del 30 novembre.

L’iniziativa, spiegano, trae spunto dai recenti episodi criminali consumati ai danni di esercenti e commercianti, riconosciuti dalle sigle sindacali quale “allarmante segnale della ripresa del racket”, fino all’ “attacco alle istituzioni” con l’intimidazione al primo cittadino di Siracusa. “Ma vuole anche essere un focus sul lavoro, la cui offerta è sempre più in calo”, evidenziano le sigle sindacali.

(foto generica)


In alto