News

Siracusa, dipendenti ex Provincia, prosegue l’iter per i mandati di pagamento ma anche la protesta

SIRACUSA – Sono state confermate la firma e la pubblicazione del decreto da parte del dirigente generale dell’assessorato alle Autonomie locali, che assegna oltre 11 milioni di euro per il personale del Libero consorzio di Siracusa. L’avvenuta firma e pubblicazione sono state rese note dal deputato regionale Vincenzo Vinciullo, presidente della commissione Bilancio all’Ars.

L’iter adesso prevede un esame della Ragioneria regionale ed il successivo trasferimento dei fondi alla tesoreria dell’ex Provincia per dare luogo ai mandati di pagamento. Questo il commento di Vinciullo: “Continuerò a seguire l’iter – ha detto Vinciullo del procedimento fino a quando le risorse non verranno assegnare alla ex Provincia, in modo tale che, nel rispetto dell’emendamento da me presentato, possano essere materialmente assegnate ai lavoratori che da oltre cinque mesi non percepiscono lo stipendio”.Lo stanziamento si aggiunge a quello già avvenuto con il trasferimento dei 2 milioni 784 mila euro ai dipendenti dell’ex Provincia e della partecipata Siracusa Risorse.

Interviene anche il deputato regionale Giambattista Coltraro, che, soddisfatto per l’avvenuta firma del decreto, riferisce: “Ho seguito da vicino la vicenda, spiacevole, indignante, facendo pressing in assessorato per smuovere le acque stagnanti, che rischiavano di trascinare dentro centinaia di famiglie, a cui è stato tolto l’ossigeno, ma che ha determinato anche omesse manutenzioni in settori  in cui la sicurezza deve fare da padrona”. “La politica – ha aggiunto – in questa vicenda è stata inefficiente e non c’è da fare salti di gioia, ma bisogna andare avanti delineando la giusta rotta, non sono più disposto a navigare a vista, rischiando di vedere affondare certezze di padri e madri di famiglia, e sfumare la possibilità di un futuro migliore per una provincia che merita di essere curata e valorizzata”.

Intanto però l’occupazione prosegue da parte dei lavoratori, che hanno anche esposto uno striscione all’esterno della sede di via Malta in cui si legge: ”No stipendi, no voti”. Domani alle ore 17 verrà intanto celebrata dall’arcivescovo Salvatore Pappalardo una messa per i lavoratori dell’ex Provincia, nella chiesa del Pantheon.

(foto di repertorio)


In alto