News

Siracusa, presidi Filt Cgil davanti a Isab Sud ed Esso per “I dieci giorni dell’autista”

SIRACUSA – Presidi, con un camper informativo, davanti alle portinerie degli impianti Sud di Isab e davanti alla portineria Ovest di Esso oggi a partire dalle ore 5. Ad organizzarlo è la Filt Cgil. Il tema è dato dal rinnovo del contratto nazionale del Trasporto merci, logistica e spedizioni resta al centro dell’attenzione della Filt Cgil, che ha promosso un tour per le città in cui maggiore è l’incidenza del gommato, così come nel territorio della Sicilia orientale.

È per questo che la Filt Cgil Sicilia lancia la campagna “I 10 giorni dell’autista“, poiché comprende dieci giorni di informazione sul contratto nazionale sul trasporto merci e logistica e spedizionieri, contrasto all’illegalità, regole degli appalti, situazione previdenziali e assistenziale, lavori gravosi e lavoro usurante quale quello dell’autista. Si richiede in particolare: l’applicazione del contratto nazionale di lavoro; l’unificazione della scheda tachigrafica con la patente; il ritiro della circolare n. 225 del Ministero dei Trasporti, una legge regionale per l’autotrasporto.

“Chiediamo – ha detto il segretario della Filt provinciale, Vera Uccello – inoltre che la Prefettura regionale convochi i soggetti della filiera: organizzazioni sindacali datoriali e dei lavoratori, Inps, Inail, Camere di commercio, Ordine dei consulenti del lavoro, Albo trasportatori e le forze di polizia, per avviare un percorso di trasparenza e legalità”.

Uccello prosegue: “L’obiettivo resta quello di garantire l’unicità del contratto nazionale di lavoro, che scaduto da 23 mesi è stato firmato dopo una trattativa no-stop di 5 giorni. Revocando lo sciopero del settore dell’11 e 12 dicembre. Il Contratto nazionale della logistica, trasporto merci e spedizionieri riguarda oltre 700 mila lavoratori e prevede nella parte economica un aumento medio di 108 euro e un una tantum di 300 euro, con scadenza il 31 dicembre 2019. Presenta una nuova definizione delle mansioni del personale viaggiante valorizzando le professionalità con conseguente riconoscimento economico. Tra le novità sono state create le condizioni per favorire l’occupazione giovanile. Con l’introduzione della nuova figura professionale del “rider”, l’introduzione della clausola sociale, garantendo le tutele prima del Jobs Act nel caso di cambio appalto, con divieto del subappalto. È stata affermata la volontà di costituire l’Ente bilaterale regionale, oltre a quello nazionale già esistente. Recepito anche l’accordo 2016 contro le molestie e la violenza nei luoghi di lavoro. La riserva dell’ipotesi di accordo sarà confermata entro il 1 febbraio 2018 dopo che saranno effettuate le assemblee certificate dei lavoratori. L’accordo malgrado la partecipazione non è stato firmato dalle cooperative”.

“La logistica e il trasporto merci, in forte crescita in Italia – sottolineano le organizzazioni sindacali dei trasporti – hanno estrema necessità di essere tutelati con forti impegni istituzionali per la legalità e per il rispetto di regole trasparenti uguali per tutti. Tutelare e assicurare i diritti dei lavoratori è un imperativo; vogliamo che siano garantiti continuità e legalità alle attività degli appalti, in un settore dove questi temi sono altamente a rischio”.


In alto