News

Siracusa, proposti alcuni correttivi per sgravi Tari

SIRACUSA – L’associazione Rifiuti Zero Siracusa ha richiesto al consiglio comunale di Siracusa alcune variazioni sul contenuto del Regolamento per l’applicazione della tassa dei rifiuti che concerne le riduzioni per la raccolta differenziata.

Nell’ottica di premiare i cittadini più virtuosi e per implementare il più possibile la tariffazione puntale, è stato richiesta di effettuare una modifica del comma 1 dell’articolo 20 in maniera tale che il valore di ponderazione di 4 o 2 chilogrammi da parte degli operatori dei Ccr comunali di Targia ed Arenaura venga riconosciuto per tutte le tipologie di rifiuti da apparecchiatura elettrica ed elettronica (Raee) e non solo per quelle che attualmente sono presenti nella tabella del comma 1 (attualmente solo lavastoglie, frigoriferi, computer e stampanti), non riscontrando nessuna motivazione nell’escludere dal beneficio la maggior parte dei Raee.

La richiesta è stata effettuata dopo che alcuni utenti hanno segnalato all’associazione Rifiuti Zero Siracusa di aver conferito Raee non contemplati in questa tabella (come, per esempio,  lavatrici, monitor, forno microonde) e di non aver avuto riconosciuto il valore di ponderazione. Questa esclusione può rischiare di essere fuorviante per la corretta comunicazione e per la corretta raccolta e gestione di questa importante tipologia di rifiuti che ha come obiettivo nazionale di raccolta 7 chilogrammi per abitante. È stata, quindi fornita una nuova tabella, da introdurre nel prossimo regolamento Tari, che tiene conto di tutti i rifiuti da apparecchiatura elettrica ed elettronica e di quanto previsto dal decreto legislativo 14 marzo del 2014 n. 49 che norma questa tipologia di rifiuti.

Un’ulteriore richiesta di modifica riguarda il comma 2 sempre dell’articolo 20 del Regolamento Tari e relativo alle riduzioni previste per chi pratica la tecnica di compostaggio. L’associazione Rifiuti Zero Siracusa ha richiesto al consiglio comunale di adeguare questo comma alla recente normativa numero 266/2016 che regolamenta il compostaggi di comunità, estendendo ad ulteriori utenze la riduzione del 15 per cento della quota variabile della tariffa del tributo.


In alto