Cronaca

Siracusa, rapine improprie a esercizi commerciali, in carcere due giovani siracusani

SIRACUSA – Gli agenti della squadra mobile hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Siracusa a seguito delle indagini svolte dagli investigatori, nei confronti del trentenne Pasqualino Di Mari e della venticinquenne Salvatrice Pacini, entrambi siracusani, ritenuti responsabili di rapina impropria commessa il 18 giugno 2012 ai danni di un esercizio commerciale.

Secondo gli investigatori, in quella occasione i due soggetti, dopo essere entrati nel negozio, avrebbero sottratto degli occhiali da sole e si sarebbero allontanati a bordo di uno scooter dopo aver spintonato con forza la titolare, caduto a terra procurandosi contusioni al ginocchio e alla caviglia.

I due giovani, inoltre, sono ritenuti responsabili di una seconda rapina impropria, commessa il 17 maggio 2018, ai danni di un supermercato sito in viale Teocrito. Secondo gli investigatori, in quest’ultima occasione il Di Mari, dopo essersi impossessato di diverse derrate alimentari, vistosi scoperto da un dipendente, lo avrebbe minacciato con un cacciavite e, per guadagnarsi la fuga, avrebbe schiaffeggiato, spintonato e preso a calci un’altra dipendente.

(foto di repertorio)


In alto