News

Tra diffide e ricorsi, firmato dal ministro decreto che accorpa camere di commercio di Siracusa, Ragusa e Catania

SIRACUSA – È stato firmato dal ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda il decreto di riforma delle Camere di commercio. Recepiti così il piano di Unioncamere e la legge Madia, con gli enti che passano da 95 a 60.

Siracusa accorpata a Catania e Ragusa, con l’istituzione della super Camera di commercio del sud-est con sede a Catania, nonostante le diffide, i ricorsi al Tar delle associazioni di categoria, che hanno perso la competizione per il vertice della super Camera, e l’indagine della Procura di Catania.

Si attende adesso da parte dei commissari ad acta e dell’assessorato regionale alle Attività produttive la convocazione del consiglio camerale nominato lo scorso dicembre, che vede in maggioranza la coalizione che ha sostenuto Confcommercio con candidato alla presidenza Pietro Agen, ex presidente regionale proprio di Confcommercio.

Le associazioni che hanno perso le elezioni hanno intanto diffidato Ministero e Regione, proposto un nuovo ricorso e chiesto nuove ispezioni.


In alto