Sport

Villasmundo, la Rembukan Karate è vicecampione d’Italia giovanile

Villasmundo (MELILLI) – La scorsa domenica 26 novembre si è svolto al Pala Ariccia di Ariccia (Roma) il ventiseiesimo campionato italiano giovanile a squadre sociali. L’Asd Rembukan Villasmundo, del maestro Marcello Di Mare, ha schierato tre dei propri migliori talenti, già promesse del karate azzurro.

Ad Ariccia, quindi, Asia Agus, Federica Cavallaro e Miriam Giuga, squadra integrata da due atleti “esterni”, Nicole Murabito del Cus Torino del maestro Savio Loria e Carlotta Sipione dell’Accademia Karate Bartolo di Portopalo del maestro Giuseppe Bartolo.

La squadra della Rembukan Villasmundo ha iniziato battendo la Shizoku Karate Avellino con un netto 5-0, nel secondo incontro vittoria per 4-1 sulla Karate Body & Soul Avezzano, al terzo incontro contro la Master Rapid di Milano ancora con un secco 5-0. Finale combattutissima contro la forte compagine del Karate Pozzuolo Milano, e, dopo i primi quattro incontri individuali con il punteggio di 2 a 2, è sfumato per un soffio il titolo nazionale.

“Sono estremamente soddisfatto delle mie ragazze, che hanno disputato una gara fantastica ricevendo volta per volta il plauso del pubblico e dei tecnici presenti”, commenta il maestro Marcello Di Mare.

Ad Ariccia c’erano altri due atleti della Rembukan Villasmundo, in gara con altre due squadre “in prestito”: Tommaso Anastasi con la Shotokan di Acireale, classificata quinta, e Simone Gazzè con la Universal Center Napoli, classificatasi al nono posto.

Nel frattempo, dall’altra parte del mondo, in Giappone, un altro atleta della Rembukan, Giuseppe Cartelli, dopo un raduno di dieci giorni con la nazionale italiana svoltosi a Gotemba vicino Tokyo, ha partecipato alla World karate federation serie A di Okinawa. Cartelli ha disputato quattro incontri di altissimo livello, rispettivamente contro tre atleti giapponesi e un messicano, battendoli nettamente e perdendo soltanto in semifinale di poole, tra gli elogi e il plauso di tutta la dirigenza tecnica azzurra.


In alto