News

Augusta, sbarcano 196 migranti da nave-quarantena Azzurra: ecco dove vengono smistati

AUGUSTA – Ieri sono sbarcati dalla nave-quarantena “Gnv Azzurra” alla banchina commerciale del porto di Augusta (nella foto di repertorio in copertina: il precedente attracco) 196 migranti su 732 a bordo. “Azzurra” in nottata ha lasciato il porto Megarese per tornare a Lampedusa, mentre dall’isola delle Pelagie nel pomeriggio di ieri era arrivata l’altra nave-quarantena “Snav Adriatico“, attualmente in rada alla fonda con circa 300 migranti a bordo.

La Questura di Siracusa rende noto stamani che “su disposizione del Dipartimento delle Libertà civili e dell’Immigrazione, agenti dell’ufficio Immigrazione della Questura di Siracusa sono stati intensamente impegnati, nella giornata di ieri, presso il porto commerciale di Augusta ove ormeggiata la nave-quarantena “Azzurra”, con a bordo 732 stranieri, di cui 196 hanno ultimato il periodo di quarantena e sono risultati negativi al secondo tampone”.

I poliziotti diretti dalla dott.ssa Stefania Marletta hanno poi dato esecuzione a 80 provvedimenti di espulsione, emessi dal Prefetto di Siracusa, nei confronti di altrettanti stranieri considerati “migranti economici” e, pertanto, irregolari sul territorio italiano. Per 38 di questi, il Questore di Siracusa ha emesso un provvedimento di trattenimento presso i Centri per i rimpatri di Torino, Gradisca D’Isonzo (Gorizia) e Brindisi, strutture individuate dal servizio Immigrazione del ministero dell’Interno, dove gli stranieri sono stati accompagnati per essere poi rimpatriati nel Paese di origine. Per altri 43 è stato adottato il provvedimento di allontanamento che implica l’ordine di lasciare il territorio nazionale, infine 2 minori stranieri, risultati non accompagnati, sono stati affidati a una struttura per minorenni di Rosolini.

I restanti 114 migranti sbarcati, rientranti nella fattispecie dei “richiedenti asilo“, sono stati accolti presso delle strutture ubicate in Emilia Romagna e, pertanto, immediatamente trasferiti.


getfluence.com
In alto