Cronaca

Avola, controllo del territorio dei Carabinieri, arrestate tre persone per detenzione ai fini di spaccio di stupefacente

 stuepfacente e denaro

Avola – Proseguono i servizi posti in essere dai Carabinieri della Compagnia di Noto finalizzati alla prevenzione e repressione del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso del fine settimana i militari dell’Arma hanno posto particolare attenzione al territorio del comune di Avola: raccogliendo e sviluppando le segnalazioni di diversi residenti che hanno riferito di insoliti via vai di persone in determinate zone della cittadina, i Carabinieri hanno organizzato un mirato servizio impiegando, in sinergia tra di loro, personale in uniforme ed in abiti civili, ponendo in essere una serie di perquisizioni finalizzate alla ricerca di sostanze stupefacenti.

In particolare, nel corso della serata di sabato i Carabinieri della Stazione di Avola, unitamente a personale dell’Aliquota Operativa del N.O.R.M. della Compagnia di Noto, hanno tratto in arresto in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente SANTORO Salvatore classe 1969 e MACCA Grazia, classe 1972, entrambi originari di Avola.

I Carabinieri, notando l’uomo che saliva in macchina dopo essere uscito con fare sospetto dall’abitazione della donna, procedevano a controllo di polizia e, in considerazione della sua insolita agitazione alla vista dei militari, a perquisizione del veicolo rinvenendo, nel bracciolo portaoggetti, due dosi di sostanza stupefacente del tipo cocaina. Non potendo escludere che lo stupefacente fosse stato acquistato poco prima, i militari procedevano a perquisizione domiciliare dell’abitazione da dove l’uomo era appena stato visto uscire. Qui i militari rinvenivano, occultate in una scatolina in cartone per gioielli riposta in un cassetto del comò in camera da letto, 7 dosi di cocaina, per un peso complessivo di circa 12 grammi, un bilancino elettronico di precisione nonché materiale vario per il confezionamento dello stupefacente, il tutto sottoposto a sequestro per essere poi sottoposto alle analisi di laboratorio del caso. I militari, inoltre, procedevano a perquisizione presso l’abitazione dell’uomo dove, oltre a materiale vario per il confezionamento dello stupefacente, veniva rinvenuta una ingente somma di denaro di alcune decine di migliaia di euro: pertanto, poiché l’uomo non era in grado di documentare la provenienza di tale somma in contante, non potendone escluderne l’illecita provenienza, si procedeva a sequestrare il denaro in attesa di ulteriori e più approfonditi accertamenti.

Nel corso della tarda serata di domenica i Carabinieri della Stazione di Avola hanno tratto in arresto in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente DUGO Giuseppe, classe 1981, originario di Avola.

I Carabinieri, impegnati nel quotidiano servizio di controllo del territorio, stavano eseguendo un posto di controllo alla circolazione stradale quando hanno notato una vettura, condotta da un giovane, che si aggirava ripetutamente in zona con fare sospetto. I militari hanno pertanto intimato l’alt al mezzo procedendo a controllo di polizia: nel corso del controllo i militari hanno notato che il giovane armeggiava ripetutamente con la leva del cambio, come se stesse nascondendo qualcosa. Pertanto, i militari hanno dato corso a perquisizione veicolare conclusasi con esito positivo: occultato sotto la plastica alla base della leva del cambio si rinveniva, avvolta nella carta stagnola, un cristallo di sostanza stupefacente del tipo cocaina dal peso complessivo di circa 11 grammi nonché una dose di hashish dal peso di circa un grammo, il tutto sottoposto a sequestro in attesa di esperire le analisi di laboratorio del caso.

Al termine delle formalità di rito, gli arrestati sono stati tradotti presso le rispettive abitazioni al regime degli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo presso il Tribunale di Siracusa.

I Carabinieri continueranno a prestare la massima attenzione allo specifico settore organizzando periodicamente mirati servizi preventivi e repressivi.


In alto