- La Gazzetta Siracusana - https://www.lagazzettasiracusana.it -

Catania-Siracusa, due incidenti stradali all’altezza di Priolo nella stessa mattina. Bilancio di 5 feriti

SIRACUSA – Due incidenti stradali nel tratto che attraversa il territorio di Priolo Gargallo della Catania-Siracusa, strada statale 114, entrambi in direzione del capoluogo aretuseo. Un sinistro nella prima mattinata, presumibilmente autonomo, l’altro intorno a mezzogiorno ha coinvolto due autovetture. Un bilancio complessivi di cinque feriti, che non sarebbero gravi, in poche ore.

L’incidente tra due autovetture poco prima delle 12 si è verificato in prossimità dell’area di servizio “Priolo ovest”, nel territorio di Priolo Gargallo, precisamente appena imboccata l’uscita per Siracusa nord – Targia – Belvedere.

Si sono scontrati frontalmente una Renault Megane e un’Alfa Romeo 147, con quest’ultima a quanto pare contromano sulla rampa. Il bilancio è di quattro feriti, che per fortuna non sarebbero gravi. Si tratta di tre giovani augustani a bordo della Renault, rispettivamente il conducente di 31 anni e i passeggeri di 30 e 29 anni, trasportati in ambulanza all’ospedale “Umberto I” di Siracusa. Lievemente ferito l’uomo alla guida dell’Alfa Romeo, 70enne residente a Cassaro, trovato in stato confusionale dopo l’impatto frontale.

Sono intervenuti sul luogo dell’incidente agenti della Polizia stradale di Siracusa e personale sanitario a bordo delle ambulanze del 118 per prestare le prime cure. I vigili del fuoco hanno messo in sicurezza l’area coinvolta e i due veicoli in attesa della loro rimozione. Rallentamenti sulla carreggiata in direzione Siracusa.

Nella stessa mattina, intorno alle 7, appena otto chilometri prima, si è verificato un altro incidente, presumibilmente autonomo, di una Volkswagen Polo (nella foto, ndr) guidata da un trentunenne lentinese, che sarebbe rimasto lievemente ferito. Anche in questo caso sono intervenuti agenti della Polstrada di Siracusa, che hanno provveduto al restringimento temporaneo della carreggiata a una corsia.