- La Gazzetta Siracusana - https://www.lagazzettasiracusana.it -

Edilizia popolare, l’assessore regionale Falcone in visita ai cantieri Iacp di Siracusa e Augusta

SIRACUSA – Doppio sopralluogo ieri in provincia da parte dell’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, accompagnato dai vertici dell’Iacp (Istituto autonomo case popolari) di Siracusa e dalla deputazione locale, per verificare lo stato di avanzamento lavori di opere di edilizia popolare, a Siracusa e Augusta.

Cronoprogramma rispettato e opera che, senza intoppi, dovrebbe essere completata entro marzo del 2023, quella di rifunzionalizzazione dell’ex albergo-scuola di via Umberto nel capoluogo aretuseo (vedi foto di copertina, ndr).

“A Siracusa una grande opera ingrana la marcia: ristrutturiamo l’ex albergo-scuola, da decenni incompiuto e in abbandono – commenta Falcone – Il Governo Musumeci, attraverso l’Iacp, ha investito oltre 11 milioni per farne una moderna residenza sociale, riqualificando anche l’intero quartiere vicino la stazione”.

La consegna dei lavori da parte di Regione e Iacp, con il progetto presentato nel luglio 2020, è avvenuta lo scorso marzo. Ad aggiudicarsi l’appalto la “R.T.I. Consorzio stabile Medil S.C.P.A.”, che come capogruppo mandataria ha firmato un contratto per l’importo finale di 7 milioni 40 mila euro. Le imprese esecutrici sono la Euroinfrastrutture Srl, la Cospin Srl, la Mammana Michelangelo.

L’intervento prevede il completamento con l’adeguamento sismico dello stabile e la riqualificazione energetica per realizzare 38 alloggi di edilizia sociale destinati a nuclei familiari con requisiti pertinenti con gli obiettivi del progetto; nel fabbricato saranno realizzati inoltre un infopoint turistico, un ticket office, una sala d’attesa, punto ristoro, palestra, cortile, spazi associativi, destinati sia agli abitanti dello stabile, ma anche aperti alla vita pubblica di istituzioni e associazioni.

Nella tarda mattinata, l’assessore regionale ha effettuato un sopralluogo ad Augusta, al cantiere in contrada Scardina dove sono in corso da novembre i lavori di completamento delle quattro palazzine di edilizia popolare con 90 alloggi, con una gara aggiudicata per 2 milioni 650 mila euro.

“In contrada Scardina avanza il recupero dei 90 alloggi Iacp mai finiti, a cui mancava persino il tetto. Valutiamo, inoltre, dei lavori supplementari – aggiunge Falcone – Poi un altro impegno mantenuto: la consegna dei primi, storici, interventi di risanamento del viadotto Federico II, ponte verso il centro storico della città, a cura del Genio civile (vedi l’articolo dedicato alla consegna dei lavori di manutenzione urgente del viadotto Federico II di Augusta [1], ndr). Mai più incompiute e politiche della casa finalmente vicine alla gente. Bene così”.

[2]“Ho avuto il piacere di accompagnare l’assessore alle Infrastrutture e Trasporti, on. Marco Falcone in giro per la provincia a visitare due importanti cantieri che, grazie alla sinergia tra Istituto autonomo case popolari e l’Assessorato regionale, stanno procedendo spediti – commenta Mariaelisa Mancarella, presidente dell’Iacp Siracusa (nella foto all’interno accanto a Falcone, ndr) – Nella prima parte della mattinata abbiamo visitato gli alloggi di Augusta in contrada Scardina. Oltre a verificare lo stato di avanzamento lavori abbiamo fatto dei sopralluoghi all’interno degli appartamenti di alcuni inquilini che necessitano di ulteriori interventi, accogliendo alcune segnalazioni e richieste di migliorie che, assieme con l’assessore, ci siamo impegnati ad affrontare”.

“Subito dopo abbiamo raggiunto Siracusa dove abbiamo visitato il cantiere dell’ex albergo-scuola, uno dei più importanti interventi di riqualificazione di edilizia residenziale del Mezzogiorno – sottolinea la presidente Mancarella – Con l’assessore Falcone abbiamo verificato che la tempistica per la consegna dei lavori, nonostante le molteplici difficoltà di realizzazione dell’opera, saranno rispettate. Sulla risoluzione di questa incompiuta ultratrentennale ho messo la faccia, assieme al mio Consiglio d’amministrazione e faremo ogni sforzo per restituire questo gioiello alla città”.