Archivio

Esercitazione antinquinamento a Siracusa nei giorni 16 e 17

nave librauna delle navi che parteciperà all’esercitazione

SIRACUSA – Anche quest’anno La Marina Militare organizza a Siracusa nei giorni 16 e 17 giugno l’esercitazione antinquinamento marino Aretusa 2015.

L’esercitazione si inquadra tra le attività svolte dalla Marina Militare per assicurare la prontezza e il mantenimento delle capacità delle unità navali responsabili delle operazioni di disinquinamento in mare, capacità di tutela ambientale che esaltano la versatilità delle navi della Marina Militare, da sempre impegnate in attività strettamente connesse con il mondo civile ed a supporto alla collettività.

L’esercitazione Aretusa 2015 inizierà il 16 giugno con il “Seminario sulla lotta all’inquinamento da idrocarburi in mare”, giunto alla sua ottava edizione, che si terrà presso la Camera di Commercio di Siracusa. Vi prenderanno parte tecnici specializzati in materia di antinquinamento marino e qualificati rappresentanti del mondo accademico siciliano. Lo scopo del seminario è favorire e consolidare la cooperazione interministeriale ed inter-agenzia, coinvolgendo il mondo accademico e gli specialisti in materia, oltreché offrire un momento di condivisione delle conoscenze reciproche dei partecipanti, fra cui si annoverano tra gli altri rappresentanti della Capitaneria di Porto, della Protezione Civile, dell’Istituto per l’Ambiente Marino Costiero-CNR di Messina, dell’ARPA, e delle Università di Messina e Catania.

Il 17 giugno, nelle acque antistanti Siracusa, si svolgerà la fase in mare dell’Aretusa 2015, con unità navali e mezzi aerei della Marina Militare e della Capitaneria di Porto che, congiuntamente agli altri mezzi locali, faranno fronte in uno scenario fittizio ad uno sversamento in mare di idrocarburi, che si simulerà siano fuoriusciti da una unità mercantile in seguito ad un incidente. Contemporaneamente alle attività in mare, la Prefettura di Siracusa attiverà la propria sala operativa simulando di predisporsi a contrastare il possibile spiaggiamento su costa di parte degli inquinanti.

Nell’ottica della tutela ambientale propria dell’esercitazione Aretusa 2015, in aderenza al progetto “flotta verde” per navi militari sempre più eco-efficienti, la Marina Militare impiegherà durante l’esercitazione biocarburanti provenienti da fonti sostenibili, riducendo così l’impiego di derivati petroliferi e le emissioni inquinanti.

La Marina Militare affida annualmente l’organizzazione e la condotta della esercitazione antinquinamento al Comando delle Forze da Pattugliamento (COMFORPAT) di Augusta, che assicura, tra gli altri compiti di istituto, l’attività di presenza e sorveglianza nel Canale di Sicilia.

COMFORPAT annovera fra le proprie unità navali 6 Pattugliatori d’altura che dispongono di attrezzature per la lotta all’inquinamento marino da idrocarburi. In particolare questi pattugliatori sono dotati di barriere pneumatiche galleggianti per il contenimento in superficie degli inquinanti, di uno skimmer per la rimozione ed il recupero delle sostanze oleose dal pelo dell’acqua, di idonee casse per l’accumulo a bordo delle sostanze inquinanti recuperate, di sistemi per lo spargimento di agenti disperdenti sull’area inquinata ed infine di un laboratorio chimico per l’analisi degli inquinanti. Tre di questi pattugliatori prenderanno parte alla fase in mare dell’Aretusa 2015: Nave Orione, Nave Sirio e Nave Libra.

Salvatore Pappalardo


La Gazzetta Siracusana su facebook

LE CITTÀ DEL NETWORK

Copyright © 2023 La Gazzetta Siracusana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Cecilia Casole
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2016/2023 PF Editore

In alto