- La Gazzetta Siracusana - https://www.lagazzettasiracusana.it -

Portineria Isab Nord, aggressione al sindacalista Salvo Carnevale. “Il clima è pesante”

PRIOLO GARGALLO – Un’aggressione stamani, intorno alle 7, alla portineria Nord dello stabilimento Isab-Lukoil, nei confronti del segretario generale della Fillea-Cgil di Siracusa, Salvo Carnevale. A comunicarlo è lo stesso sindacato, che rende noti i particolari.

Il sindacalista sarebbe stato avvicinato e accerchiato da tre lavoratori non iscritti al sindacato che guida, e sarebbe stato prima minacciato verbalmente e poi, da parte di uno dei tre, aggredito fisicamente. A evitare che la situazione potesse precipitare, sarebbero immediatamente intervenuti altri operai a difesa del sindacalista.

“Mi riservo di intraprendere tutte le iniziative del caso – esordisce Salvo Carnevale – Nulla giustifica una aggressione vile e scomposta come questa. Ma a voler brevemente tentare, con grande sforzo, di individuare un movente per azioni così sconsiderate, mi corre l’obbligo di dichiarare che non vi è a carico dei tre nessuna minaccia lavorativa né imminente, né prossima, quindi tutto è da ritenersi ancora più assurdo ed inquietante”.

“Forse non piace il mio modo un po’ troppo diretto di esporre i fatti, in totale trasparenza, senza promesse illusorie e analizzando la realtà oggettiva – prosegue Carnevale – e certamente mi amareggia dover subire aggressioni da un operaio che evidentemente interpreta la funzione del sindacato non nell’interesse collettivo, ma nel solo interesse personale, a scapito di altri lavoratori suoi colleghi. È una posizione in totale contrasto con i principi fondanti  del sindacato confederale organizzato e democratico. È chiaro che il clima è pesante, a tratti intollerabile. Vi è in atto un imbarbarimento delle relazioni economiche e sociali; nella zona industriale, in particolare negli ultimi tempi, vi sono spesso azioni aziendali che esasperano gli animi e in ossequio a una logica solo ragionieristica e senza nessuna responsabilità sociale accendono incendi colpendo la dignità del lavoro”.

“Certo – conclude il segretario della Fillea siracusana – se qualcuno pensava di intimidirci, sappia che ha scelto il metodo sbagliato e che l’azione di rappresentanza che esprimiamo non potrà mai arretrare dinanzi a questo. Domani saremo ancora in trincea con più grinta e con la consueta onestà intellettuale!”.