Cronaca

Rosolini, truffa da 400 euro in tabaccheria con la “tecnica” della ricarica postepay

ROSOLINI – I carabinieri della Stazione di Rosolini stanno conducendo una attività investigativa volta all’identificazione di due soggetti responsabili di una truffa in danno di una tabaccheria. Nella circostanza, i malviventi non hanno pagato quanto dovuto per la ricarica di una carta Postepay, pari a circa 400 euro, adducendo a giustificazione problemi di pagamento con un’altra carta di credito per poi allontanarsi dalla tabaccheria e far perdere le proprie tracce a bordo di un’autovettura. La proprietaria dell’esercizio commerciale ha sporto denuncia contro i due ignoti.

Sulle purtroppo frequenti truffe perpetrate con carte di credito rubate o false, i Carabinieri invitano i cittadini a prestare la massima attenzione al fine di evitare spiacevoli situazioni, ponendo in essere tutte le cautele del caso ed utilizzando, in occasione di compravendite online, sempre metodi di pagamento sicuri e, ove possibili, assicurati.

Un fenomeno esteso alle truffe telematiche o telefoniche. Infatti, si verifica spesso che i truffatori inoltrino delle email contenenti link fraudolenti invitando i destinatari ad inserire le proprie credenziali di accesso a siti di e-banking o i propri dati personali, come, ad esempio, il numero di cellulare o il codice fiscale. Inoltre, i Carabinieri raccomandano di non dare mai seguito a email o telefonate che richiedano di inserire o comunicare i propri codici personali e di non accedere mai ai siti internet banking direttamente da link presenti su email ricevute sulla propria casella personale. Inoltre nessun incaricato di banca, ricordano i Carabinieri, è autorizzato a richiedere le credenziali di accesso al sito internet.

(foto di repertorio)

 


In alto