- La Gazzetta Siracusana - https://www.lagazzettasiracusana.it -

Scalorino: ” Io sono per rimuovere quell’antenna”

antenna wind [1] scalorino_floridia_sindaco [2]

 

FLORIDIA – Il sindaco di Floridia Orazio Scalorino interviene sulla vicenda della antenna Wind collocata in via Marina di Melilli  fa chiarezza sulla vicenda. Vicenda che è stata anche affrontata ieri sera durante la seduta del consiglio comunale. I vari consiglieri che si sono succeduti sono unanimemente concordi nel cambiare il regolamento e di renderlo più restrittivo e parallelamente di aprire un  tavolo tecnico con le compagnie telefoniche affinché queste antenne vengano posizionate fuori dal centro abitato. “Vorrei tentare di fare chiarezza sulla questione dell’antenna Wind collocata in via Marina di Melilli. L’antenna si trova nel terreno di un privato (forse il consulente del privato ne sapeva qualcosa in più di me); è stata concessa l’autorizzazione da parte dell’Arpa e – dichiara il sindaco Scalorino – , solo successivamente, è stata rilasciata, come previsto dalla norma, l’autorizzazione edilizia da parte dell’ufficio tecnico, senza che né la richiesta della Wind né l’autorizzazione dello stesso ufficio siano mai passate dal sottoscritto.  Ho chiesto formalmente delucidazioni al responsabile dell’ufficio tecnico.  Il punto è che la vicenda è stata gestita come una semplice ratifica tecnica consequenziale al parere favorevole rilasciato dall’Arpa. È stato sottovalutato il ruolo della politica, che invece è fondamentale in casi come questo in cui le scelte coinvolgono direttamente i cittadini. Anche perché esiste un regolamento comunale sulle antenne che io stesso ho voluto e fatto approvare quando ero consigliere comunale. Questo vi dimostra quanto io abbia a cuore la questione.  In ogni caso, ho già preso tutti i provvedimenti che mi sono consentiti dalla legge per fermare tutto ciò: ho nominato un tecnico per un parere sul rispetto nell’autorizzazione del regolamento comunale – aggiunge Scalorino -, ho contattato un avvocato esperto in materia. Ho, inoltre, inviato una lettera alla Wind, chiedendo un incontro per trovare una soluzione alternativa in un luogo lontano dal centro abitato. Ancora ho diffidato la stessa società a non attivare l’antenna e ho chiesto all’arpa un monitoraggio di tutte le antenne presenti sul territorio. Sappiate, tra l’altro, che la scuola che si trova sotto quella antenna è frequentata anche da mia figlia e non dai figli di chi ha interesse e di certi mistificatori di professione. Quindi la vicenda mi coinvolge anche da genitore oltre che da sindaco.  Ciò che mi rammarica è che, negli anni passati, il territorio è stato costellato di antenne e, mentre proprio io sollevavo il problema e scrivevo il regolamento, tutti zitti… non ne sapeva nessuno niente…. e oggi gridano allo scandalo. Che sia chiaro, io sono per rimuovere quell’antenna”.

Salvatore Pappalardo