News

Siracusa, addetti alle pulizie uffici comunali in agitazione

SIRACUSA – Gli addetti alle pulizie degli uffici comunali sono in proroga fino al 7 agosto con la “Pfe” di Caltanissetta, poi dovrebbero passare all’azienda subentrante “Cm service” di Ivrea. Ma quest’ultima ne assumerebbe solo 26 su 37, peraltro con una riduzione da 16 ore settimanali a 11. Ieri i lavoratori sono scesi in piazza, nei pressi del Parco Robinson, lanciando un appello al primo cittadino, mentre oggi sono tornati sulla vertenza i sindacati.

“Lunedì prossimo sotto la Prefettura e sindacato pronto a manifestare insieme ai lavoratori anche nel giorno di ferragosto”. Così, Teresa Pintacorona, segretario generale della Fisascat Cisl, e Stefano Gugliotta, segretario generale della Filcams Cgil, rilanciano sulla vicenda che coinvolge i 37 lavoratori del servizio pulizie del Comune di Siracusa.

“Oggi è il terzo giorno della proroga di una settimana concessa a Pfe – aggiungono i due segretari – Nulla, però, è cambiato. La Cm service, azienda subentrante, continua a negare qualsiasi disponibilità al confronto infischiandosene del contratto nazionale di lavoro. L’Amministrazione comunale, di contro, non si è più fatta sentire nonostante l’impegno del sindaco Italia. A questo punto, con il perpetuare di questo dispregio ai diritti dei lavoratori da parte dell’azienda piemontese, ci rivolgeremo al Prefetto perché vengano riconosciuti i diritti inalienabili delle persone coinvolte”.

“Appare strumentale il periodo di questo cambio appalto – sostiene Teresa Pintacorona – È veramente incredibile che questi passaggi avvengano sempre a ridosso di festività, estive o natalizie che siano. Se qualcuno pensa di affievolire la rabbia dei lavoratori e l’impegno del sindacato, si sbaglia di grosso – conclude la segretaria della Fisascat territoriale – Saremo accanto ai lavoratori anche sotto il sole cocente siracusano, durante il ferragosto se sarà necessario. Pretendiamo rispetto dei contratti e rispetto per questi lavoratori. Non ci fermiamo sicuramente”.


In alto