News

Siracusa, Dolce e Gabbana ricevuti dal sindaco al Vermexio. Incontri con tre siracusani

SIRACUSA – I due celeberrimi stilisti che hanno voluto celebrare il decennale con sfilate a Siracusa e Marzamemi, il palermitano Domenico Dolce e il milanese Stefano Gabbana, sono stati ricevuti stamani nella sala “Raffaello Caracciolo” di Palazzo Vermexio dal sindaco Francesco Italia.

Giunti in città martedì scorso in vista delle presentazioni dello loro creazioni di alta gioielleria e alta moda, rispettivamente venerdì nella Grotta dei Cordari e sabato nella piazza Duomo in Ortigia, sono stati invitati a firmare il Libro degli ospiti illustri (nel quale hanno scritto un pensiero dedicato alla città) e successivamente si sono intrattenuti con due siracusani che avevano chiesto di incontrarli.

Si tratta di Giuliana Bruno e Matteo Cosenza. La prima è una creatrice di pupazzi che ha detto di ispirarsi allo stile del brand Dolce & Gabbana e che ha donato due suoi lavori raffiguranti gli stilisti; il secondo è un giovane diplomato dell’Istituto d’arte, affetto da sindrome dello spettro autistico e appassionato di moda, che ha mostrato ai due stilisti i disegni di alcuni suoi modelli e foto di abiti da lui realizzati. In un’atmosfera assolutamente informale, Dolce e Gabbana hanno dato alcuni consigli facendo anche riferimento ad aneddoti della loro vita professionale.

Infine, prima di andare via, hanno incrociato e scambiato qualche parola con il velocista Matteo Melluzzo, nazionale di atletica leggera e reduce dall’oro conquistato nella 4×100 ai Giochi del Mediterraneo. Melluzzo, in procinto di volare in Usa per i Mondiali di Eugene, in Oregon, era stato invitato dal sindaco Italia per complimentarsi dei recenti successi ottenuti.

“Ringrazio Domenico Dolce e Stefano Gabbana – ha detto il sindaco Italia – per la loro grande generosità e per il modo diretto e cordiale con il quale in questi giorni stanno ricambiando l’affetto e la curiosità dei nostri concittadini. Anche questi gesti sono segnali di apprezzamento verso Siracusa, già per altro manifestato con la decisione di tenere qui il loro principale evento internazionale di quest’anno”.


In alto