- La Gazzetta Siracusana - https://www.lagazzettasiracusana.it -

Siracusa, festa del patrocinio di Santa Lucia, prevista la testimonianza della mamma di Carlo Acutis

SIRACUSA – Sarà con ogni probabilità collegata in videoconferenza con la cattedrale per parlare di un figlio speciale, proclamato beato pochi mesi fa dalla Chiesa cattolica. Antonia Salzano è la madre di Carlo Acutis, il quindicenne deceduto nel 2006 a causa di una grave malattia e le cui spoglie mortali riposano dal 6 aprile 2019 nella chiesa di Santa Maria Maggiore ad Assisi.

Già considerato patrono del web dalla pietà popolare, per le sue competenze tecnologiche e la capacità di divulgare il vangelo tra i coetanei attraverso i canali digitali, potrebbe diventare ufficialmente Santo tra qualche anno. Antonia Salzano ne darà testimonianza da remoto probabilmente lunedì 3 o martedì 4 maggio (la data sarà comunicata ufficialmente a breve), nei giorni dedicati alla festa del patrocinio. Accanto a lei ci saranno un giovane seminarista ed una suora. La conferma della sua presenza da remoto dovrebbe arrivare entro domani.

Sarà uno dei momenti più attesi di un ottavario dedicato interamente alla preghiera, senza alcuna manifestazione esterna. “Noi speriamo che sia così per l’ultima volta – dice Pucci Piccione, presidente della deputazione della cappella di Santa Lucia – pregando con forza il Signore affinché, tramite l’intercessione della nostra Patrona, questo tempo così difficile possa finire al più presto e perché a dicembre possiamo vivere un momento di grande gioia e di coinvolgimento popolare. Oltre alle messe quotidiane (una al mattino e una alla sera), il tempo sarà scandito  dalla recita del Rosario, dei salmi, dei vespri e del Regina Cieli. Come a dicembre, ci sarà la possibilità di sostare qualche minuto in preghiera ai piedi di Santa Lucia, attraverso un percorso obbligato”.

La traslazione del simulacro dalla cappella alla parte sinistra dell’altare maggiore, è in programma la mattina del primo maggio, dopo la celebrazione eucaristica che sarà presieduta dal parroco della cattedrale, monsignor Tito Marino.

Altra novità sarà data dalla presenza dell’arcivescovo emerito, monsignor Salvatore Pappalardo, che celebrerà l’Eucarestia alle 11,30 di domenica 9 maggio. “Gli avevamo proposto – rivela Piccione – di presiedere la messa delle 19, l’ultima prima del rientro in cappella del simulacro della Patrona. Non se l’è sentita per via della distanza tra Siracusa e Nicolosi, suo paese natale dove risiede da quando, a ottobre scorso, ha lasciato l’Arcidiocesi, dimettendosi per motivi anagrafici. Avrebbe dovuto far rientro a casa in tarda serata e per questo ha preferito la celebrazione mattutina. Saremo contenti di riaverlo tra noi come avvenuto nel mese di dicembre”.