- La Gazzetta Siracusana - https://www.lagazzettasiracusana.it -

Siracusa, intitolata a “Eligia Ardita e Giulia” scuola di via Calatabiano alla presenza di Lamorgese e Musumeci

SIRACUSA – Hanno partecipato il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci e il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese (nella foto) questo pomeriggio alla cerimonia di intitolazione del plesso di via Calatabiano, dell’Istituto comprensivo “Archia”, alla compianta giovane Eligia Ardita e alla figlia Giulia, vittime di femminicidio.

Tra le autorità locali, presenti il prefetto di Siracusa Giusi Scaduto, il sindaco di Siracusa Francesco Italia, la deputazione nazionale e regionale aretusea. Numerosi i dirigenti scolastici, insieme alla dirigente dell’ “Archia”, Valeria Salvatrice Nicosia. Alla scopertura della targa dedicata alla giovane infermiera, uccisa dal marito il 19 gennaio 2015 con la figlia che portava in grembo al nono mese di gravidanza (come da sentenza della Corte d’appello di Catania del 13 luglio 2020, che ne ha confermato la condanna all’ergastolo), erano presenti anche i genitori e la sorella di Eligia. Dopo la scopertura della targa, gli studenti di istituti scolastici di Siracusa e Canicattini Bagni si sono alternati nell’esecuzione di brani e nella lettura di testi.

“Dobbiamo chiederci se il femminicidio non sia, prima di essere l’epilogo di un fatto di polizia, l’epilogo di una crisi sociale all’interno di un nucleo familiare – ha detto il governatore Musumeci, dinanzi alla platea di autorità e di giovani alunni – Da molto tempo i Comuni in tutta Italia, e in particolare in Sicilia, non godono più di servizi sociali efficienti, i concorsi sono bloccati da oltre 20 anni. Una sana politica di servizio sociale, che sappia leggere fra le pieghe e le intrusioni di una società malata, può prevenire il delitto, intervenendo in tempo. C’è un dato che raccolgo spesso in giro, lanciato dai sindaci, e che ci impone attenzione e impegno, cosa che farò andando a Roma alla Funzione pubblica, consapevole di interpretare un’esigenza diffusa dei sindaci, affinché il blocco dei concorsi e l’estenuante attesa burocratica non impedisca ai comuni di arrivare in anticipo a contrastare questi fenomeni”.

L’iter istruttorio per l’intitolazione del plesso scolastico si è concluso il 22 giugno scorso con l’adozione del decreto n. 39197, con cui il prefetto di Siracusa, Giusi Scaduto ha condiviso la volontà dell’istituzione scolastica e dell’amministrazione comunale di Siracusa di ricordare la giovane Eligia Ardita insieme alla figlia Giulia.