Politica

Siracusa, Scrofani torna sulle dimissioni: “Garozzo ricandidato: scelta senza consenso dei cittadini”

SIRACUSA – “Sulla sua ricandidatura a sindaco, da Garozzo posizioni ostinate e autoreferenziali”. Gianluca Scrofani torna ancora sulle ragioni delle dimissioni sue e dell’altro assessore centrista Silvia Spadaro, dalla giunta Garozzo. Sullo sfondo le imminenti tornate elettorali. “Abbiamo scelto di uscire dalla maggioranza – spiega in una nota l’ex assessore al Bilancio – perché abbiamo ritenuto necessario fare per tempo chiarezza, nel corso di questa lunga stagione elettorale, sul dibattito interno alla maggioranza comunale. Tale dibattito – prosegue  – ha evidenziato tuttavia solo posizioni certamente ostinate e autoreferenziali. La teoria Garozzo-centrica secondo cui la ricandidatura a sindaco sarebbe vincente è certamente un tema che anima con sfiducia il dibattito interno alla coalizione che sostiene da parecchi mesi l’attuale sindaco, peraltro in crescente distacco con i partiti di riferimento.

Da prima delle regionali, infatti – rivela Scrofani – ho chiesto chiarezza in ordine a questo tema, rispetto alla scadenza stessa del mandato amministrativo, ritenendo la proposta Garozzo possa non ritrovare quel consenso utile nei cittadini”. Ecco la proposta centrista a suo dire caduta nel vuoto: “Noi pensiamo invece che sulla scelta della candidatura per Palazzo Vermexio sia necessario non chiudersi in se stessi con preconcetto, ma piuttosto aprire la coalizione ai suggerimenti provenienti dalla società civile e da tutte le forze politiche che vorranno riconoscersi in un governo di salute pubblica che permetta di dare una svolta concreta per la città. In risposta a queste richieste abbiamo ottenuto solo richiami alla fedeltà “all’uomo solo al comando” o a chi da lui indicato”. L’epilogo: “Di fronte a tale posizione abbiamo ritenuto giusto riconsegnare le nostre deleghe a chi ritiene di proseguire su questa linea in vista delle prossime amministrative, mentre noi continueremo a rappresentare con forza l’area moderata di questa città”.

 

 


In alto