- La Gazzetta Siracusana - https://www.lagazzettasiracusana.it -

Siracusa, sequestrati 18 chili di materiale pirotecnico a un venditore ambulante

SIRACUSA – La notte di Capodanno nel capoluogo aretuseo ha visto l’afflusso nella centralissima piazza Duomo di migliaia di persone festanti per accogliere l’arrivo del nuovo anno. I carabinieri della compagnia di Siracusa hanno assicurato, in un contesto di coordinamento con le altre forze dell’ordine e in linea anche con le determinazioni del Comitato provinciale dell’ordine e della sicurezza pubblica, incisivi servizi di ordine e sicurezza pubblica e di controllo del territorio, pattugliando i centri abitati per tutto il giorno e la notte.

Particolare attenzione è stata dedicata alla vendita di artifici pirotecnici da parte dei venditori ambulanti autorizzati, per verificare che il materiale venduto fosse solo quello consentito dalla legge e non vi fossero “botti” illegali, privi di etichetta e quindi di dubbia provenienza, il cui maneggio può essere molto pericoloso.

Le stazioni carabinieri della compagnia di Siracusa hanno quindi effettuato decine di controlli alle bancarelle presenti lungo le strade e le piazze cittadine, con maggiore attenzione ai luoghi più affollate da cittadini e turisti, come il centro storico di Ortigia e le maggiori vie di collegamento che ad esso conducono. Gli accertamenti dei carabinieri hanno consentito di appurare che la maggior parte degli ambulanti vendeva prodotti consentiti e muniti della prevista etichetta, ma in un caso il venditore è risultato sprovvisto della necessaria autorizzazione comunale alla vendita ambulante e pertanto i militari dell’Arma hanno provveduto al sequestro di circa 18 chili di materiale pirotecnico.

I carabinieri ricordano che anche l’uso incauto dei fuochi d’artificio del genere legale può produrre lesioni gravi, come ustioni al viso e alle mani, e danni alla vista. L’uso invece di artifizi pirotecnici del genere illegale, in considerazione della loro elevata potenza (al loro interno si trova una miscela esplosiva realizzata con clorato e/o perclorato di potassio, con l’aggiunta di alluminio), può provocare danni anche peggiori: l’attivazione di fuochi illegali determina infatti esplosioni di notevole intensità e di elevata dannosità e talvolta può dar luogo anche alla perdita totale di arti, dell’udito e della vista. Inoltre viene raccomandato di prestare la massima attenzione agli eventuali botti inesplosi per strada, tenendosi a distanza.