Cronaca

Bullismo sul bus tra Palazzolo e Canicattini, ragazza ventenne segnala il caso ai carabinieri

PALAZZOLO ACREIDE – I Carabinieri della Compagnia di Noto stanno svolgendo accertamenti ed indagini approfondite su un presunto caso di bullismo ai danni di una ragazza italiana poco più che ventenne. I fatti segnalati dalla vittima riguardano la zona tra Palazzolo Acreide e Canicattini Bagni.

Secondo quanto segnalato, da tempo un gruppetto di cinque o sei ragazzi, tutti studenti in età adolescenziale, si sarebbero accaniti con scherzi e prese in giro continue sulla vittima, schernita perché ritenuta di corporatura robusta. Le offese le sarebbero state rivolte, per lungo tempo e quotidianamente, alla fermata dell’autobus e a bordo dello stesso. In un’occasione, il gruppo le avrebbe anche lanciato contro dei sassi.

Qualche giorno fa la ragazza, dopo gli ennesimi atti di bullismo, ha avvertito un malessere psichico tanto da ricorrere alle cure presso l’ospedale. È allora che ha deciso di rivolgersi ai carabinieri, i quali l’hanno ripetutamente sentita, trovandola “molto provata” dalla vicenda. I militari hanno quindi avviato immediate indagini per l’identificazione di tutti i giovani eventualmente coinvolti.

Si è interessato della vicenda il comandante provinciale dell’Arma, colonnello Luigi Grasso, che riferisce: “Ho disposto di procedere con la massima celerità ed impegno per verificare l’accaduto ed identificare le persone eventualmente coinvolte nei fatti segnalati. Il bullismo è fenomeno gravissimo che va contrastato con ogni risorsa possibile; per questo, anche nel corrente anno, avvieremo percorsi di collaborazione con le istituzioni scolastiche della provincia per cercare di avvicinare, quanto più possibile, i giovani e metterli in guardia dai rischi di ogni manifestazione di reiterata prepotenza”.

(foto generica)


In alto