Sport

Calcio, presentazione ufficiale per l’Asd Città di Siracusa. Mascara direttore dell’area tecnica

SIRACUSA – Presentazione ufficiale ieri mattina, alla vigilia della seconda giornata del campionato di Eccellenza, per l’Asd Città di Siracusa. Dirigenti, tecnici e giocatori sono stati presentati ufficialmente nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta in un noto ristorante aretuseo. La conduzione della cerimonia è stata affidata a Giampaolo Montineri.

Qui di seguito lo staff societario guidato dal presidente Salvatore Montagno Grillo: vicepresidente Nicola Figura; direttore sportivo Salvatore Bianco; team manager Antonio Midolo; segretario Giovanni Abela; responsabile area marketing Salvatore Castagnino; addetto pubbliche relazioni Ignazio Veneziano; addetto stampa Maurilio Abela; responsabili pagine social Enzo Di Falco e Rudi Miceli.

Ecco lo staff tecnico, che vede l’ingaggio quale direttore dell’area tecnica di Giuseppe Mascara, ex bomber della Serie A (che vanta anche una presenza in Nazionale nel 2009): allenatore prima squadra Roberto Regina; allenatore in seconda Antonio Tavarelli; preparatore atletico Michele Asta; preparatore dei portieri Giovanni Baviera; responsabile settore giovanile Enzo Marcì; allenatore juniores Roberto Culotti; collaboratore juniores Fabio Privitera; istruttore scuola calcio Mimmo Crisafulli.

Infine lo staff sanitario composto da: medico sociale dott. Gazzè; fisioterapista Seby Garofalo; massaggiatore Massimo Pantano.

Ospite d’onore, in occasione della presentazione, l’ex attaccante del Siracusa Marco Limetti, in azzurro nelle stagioni 1993-94 e 1994-95. “Tra noi c’è un’amicizia sincera e di lungo corso e per questo – ha spiegato il presidente Montagno – ho voluto invitarlo alla presentazione della squadra. Sono onorato che abbia accettato e che sia tornato a Siracusa. Un onore averlo qui”.

Una sorta di amarcord anche per i tifosi azzurri, molti dei quali ricordano la sua rete decisiva nella gara playout contro il Nola che regalò la salvezza al Siracusa in Serie C. “Mi viene la pelle d’oca ricordare quei momenti – ha sottolineato Limetti – C’era tanto entusiasmo intorno a quella squadra che conquistò a fatica, ma con merito, la salvezza. La stagione seguente sfiorammo la serie B. Poi ci fu l’epilogo che tutti conosciamo. Sono rimasto molto legato al presidente Montagno, che rimase da solo in quella società a cercare di tenere a galla una barca che stava affondando. Lui fece il massimo per il Siracusa e la promozione in B avrebbe rappresentato un’ancora di salvezza per la società. Ho accettato ben volentieri il suo invito e domani sarò allo stadio per seguire la partita”.

Per tornare al calcio giocato, nella gara disputata questa domenica pomeriggio al “De Simone”, ancora a porte chiuse per un problema di natura burocratica, il Siracusa ha perso 2-3 con il Carlentini, restando a zero punti nel girone B dopo le prime due giornate.


In alto