Eventi

Cassibile, il villaggio per lavoratori stagionali extracomunitari aprirà i battenti domani

SIRACUSA – Domattina, giovedì 29 aprile, in via dei Timi (una traversa di via Nazionale) a Cassibile, verrà aperto l’ormai arcinoto villaggio dei “migranti” (nella foto di repertorio, a lavori in corso, ndr), o più propriamente il campo destinato ai lavoratori stagionali nella frazione di Siracusa. In gran parte negli anni scorsi immigrati extracomunitari con permesso di soggiorno, parallelamente a sacche di illegalità connesse alla piaga del caporalato nelle campagne.

È l’ente comunale del capoluogo aretuseo a rendere noto che “il sito, di proprietà del Comune di Siracusa (area di Protezione civile), è stato attrezzato grazie alla fattiva collaborazione con la Prefettura che ha avuto accesso ad un primo finanziamento del Ministero dell’Interno di 242.000 euro” e che “ospiterà, in questa prima fase, diciassette unità abitative e sei di servizi igienici”, sottolineando che “l’apertura del campo segna l’avvio di altri due progetti“.

In primo luogo, l’Ufficio speciale per l’ immigrazione dell’Assessorato regionale della Famiglia assicurerà una serie di servizi a chi alloggerà nella struttura: dal trasporto nei luoghi di lavoro, al pasto quotidiano. Inoltre, il progetto Isim (Integrazione sanitaria innovativa multilivello), di cui il Comune di Siracusa è capofila con partner l’Asp di Siracusa e Ifo (Istituti fisioterapici ospitalieri), garantirà la creazione, all’interno del campo, di uno “Sportello Salute”.

Un percorso articolato che ha visto una collaborazione istituzionale a tutti i livelli, segnatamente tra Stato, Regione siciliana, Comune di Siracusa. Domani, in occasione dell’apertura del campo di contrada Palazzo, saranno infatti presenti: il sindaco di Siracusa, Francesco Italia; il prefetto Giusi Scaduto; il dirigente generale Immigrazione del Ministero del Lavoro, Tatiana Esposito; il capo dipartimento Libertà civili e Immigrazione del Ministero dell’Interno, Michele Di Bari; l’assessore regionale delle Politiche sociali, Antonio Scavone; il direttore scientifico Ifo e San Gallicano, Aldo Morrone; il direttore generale dell’Asp di Siracusa, Salvatore Lucio Ficarra.


In alto