Archivio

Floridia, manca l’acqua chiuse due scuole

floridia_municipioFLORIDIA – La rottura di una pompa idrica ed altri guasti stanno causando disagio alla popolazione delle zone Marchesa e Vignalonga per la mancanza di acqua. A causa di tale disagio ieri mattina e stamattina sono state chiuse due scuole della zona alta della città. I tecnici stanno lavorando affinché nel più breve tempo possibile si possa tornare alla normalità. Dai controlli effettuati si evince anche che durante la gestione Sai 8 quest’ultima non ha mai effettuato la normale manutenzione.

Abbiamo già montato pompa e quadro elettrico ora si stanno occupando del montaggio della colonna perché durante i lavori i tecnici si sono accorti che un cavo elettrico era usurato. Addirittura – dichiara il sindaco Scalorino – durante l’intervento hanno notato che i bulloni della colonna erano talmente arrugginiti da far dedurre che non sono mai stati toccati da Sai 8. I pozzi, in generale, negli anni di gestione sai8 non hanno mai avuto manutenzione né ordinaria né straordinaria nonostante nel tempo siano stati fatti interventi che, a questo punto, non sappiamo di che natura. La stessa situazione di usura è stata riscontrata anche nella rete idrica, negli anni abbandonata totalmente e oggi dobbiamo gestire una situazione molto difficile perché anche qui non sono mai stati effettuati interventi di manutenzione nemmeno ordinaria Parliamo Questioni di natura tecnica che non dipendono dalla volontà dell’amministrazione – aggiunge il primo cittadino di Floridia – la quale attiva gli strumenti per risolvere nel più breve tempo possibile il problema ma se durante l’intervento, come è accaduto in questo caso, i tecnici riscontrano ulteriori difficoltà è ovvio che la conseguenza non può che ricadere sul sindaco, la cui volontà è risolvere nonostante la scarsezza di risorse. I mezzi ce li stiamo mettendo tutti e capisco i problemi dei cittadini che con qualcuno se la devono prendere ma chi istiga contro il sindaco non fa un buon servizio per la collettività anzi mette in giro voci incontrollate che esasperano gli animi”.

Salvo Pappalardo

 


In alto