Cronaca

Noto, condotta persecutoria nei confronti di ex moglie e cognato, 25enne finisce in carcere

NOTO – Nella serata di ieri, agenti della Polizia di Stato, in servizio al Commissariato di Noto, hanno arrestato, in flagranza di reato, il 25enne netino Lino Lavacca, già sottoposto al divieto di dimora nel comune di Noto, per il reato di resistenza a pubblico ufficiale.

Il giovane si era recato nel primo pomeriggio nell’abitazione della ex moglie a Noto, con l’intento di chiarire alcuni aspetti legati al bambino nato dalla loro pregressa unione. Secondo la ricostruzione della Polizia, la discussione sarebbe presto degenerata sconfinando in offese e percosse nei confronti dell’ex cognato presente all’incontro. Lo stato di evidente ubriachezza in cui si trovava il 25enne ha reso necessario un ricovero con l’assistenza della Polizia municipale in ospedale, ove gli sono stati somministrati dei sedativi.

Ma successivamente il Lavacca sarebbe ritornato presso l’abitazione della donna, la quale ha subito richiesto l’intervento di una pattuglia, che ha sorpreso l’uomo nella sua “condotta violenta e persecutoria sia nei riguardi dell’ex cognato che della ex moglie”.

Quando poi lo stesso avrebbe cercato di aggredire fisicamente le parti, è stato prontamente bloccato dagli agenti di Polizia che, con non poche difficoltà, sono riusciti a contenere l’atteggiamento di irrequietezza e resistenza manifestato. Dichiarato in stato di arresto, il 25enne è stato tradotto al carcere di Cavadonna.

(foto di repertorio)


In alto