News

Noto, nuovo comandante per la Polstrada: si insedia Riccardo Concas

NOTO – Stamani si è insediato, quale responsabile del distaccamento della Polizia stradale di Noto, l’ispettore superiore Sups della Polizia di Stato Amsicora Riccardo Concas, subentrando nell’incarico al sovrintendente capo della Polizia di Stato Corrado Colombo.

Quarantaquattro anni, originario di un comune della provincia, il nuovo comandante proviene dal commissariato di pubblica sicurezza di Avola, ove ne è stato responsabile del 2° settore per quattro anni, trovandosi in prima linea nella trattazione di numerosi casi della delicata tematica del cosiddetto “Codice rosso” a tutela delle donne e dei soggetti deboli che subiscono violenze, per atti persecutori e maltrattamenti, materia su cui si è specializzato, secondo le nuove normative dettate dalla Procura di Siracusa, svolgendo personalmente degli incontri e seminari presso gli istituti scolastici di Avola.

Laureato in Scienze dell’investigazione, presso l’Università degli studi de L’Aquila, il neo comandante del distaccamento Polizia stradale di Noto potrà attuare le proprie strategie operative con il coordinamento della Specialità della Polizia stradale nel territorio di propria competenza e in sinergia con le direttive impartite dal dirigente della Polizia stradale di Siracusa, vice questore Antonio Capodicasa.

Il neo responsabile ha frequentato il 7° corso per ispettori presso il centro di formazione della Polizia di Stato di Nettuno dal 2003 al 2005 e successivamente è stato assegnato alla Questura di Milano – Squadra mobile, sezione reati contro il patrimonio con la funzione di vice capo gruppo, ove si è dedicato soprattutto al catalogamento di tutti i gruppi di etnia Rom-Sinti nell’ambito delle truffe agli anziani, riuscendo grazie a una collaborazione interforze (Pg-Procura Milano) a realizzare oltre ad una vera e propria mappa criminale ricomprendente tutto il nord Italia, per questa tipologia di reato, ma soprattutto a ricollegare ad ogni singolo gruppo criminale la tipologia di truffa in cui erano specializzati (finto poliziotto, finto elettricista, finto amico del figlio).

Negli anni l’attività supportata da indagini altamente sofisticati, ha portato all’arresto di oltre 100 persone, al catalogamento di 380 persone, dedite a questa tipologia di reato considerata tanto abietta in quanto indirizzata versa la fascia più debole e nobile della società. Dal 2009 al 2014, data l’esperienza maturata in ambito investigativo, si trasferisce nel comune di Rho nell’hinterland milanese ove si dedica soprattutto allo smantellamento di piccoli gruppi criminali, italiani e di origine nord-africana, dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Dal 2014 al 2018, nel comune di Lignano diviene responsabile dell’Uct, Ufficio controllo del territorio e ufficio Uigos ove si è dedicato ai servizi di Prevenzione e Sicurezza pubblica, ai reati che coinvolgevano le fasce deboli, quali bullismo, spaccio di piazza, e che coinvolgevano i più giovani svolgendo anche dei seminari presso le scuole per sensibilizzare gli studenti su temi come il cyberbullismo, il bullismo e l’abuso di sostanze alcoliche o stupefacenti.

Nel corso della sua attività è stato insignito della medaglia d’oro Aci per aver portato a termine una operazione di polizia giudiziaria che ha permesso il recupero di 52 veicoli provento di furto o ricettazione destinati al mercato estero.

(Foto generica)


La Gazzetta Siracusana su facebook

Le Città del Network

 

Copyright © 2022 La Gazzetta Siracusana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Salvatore Pappalardo
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2022 La Gazzetta Siracusana.it

In alto