News

Noto, scuole superiori torneranno al caldo: il Comune anticipa le spese

NOTO – Una storia a lieto fine, per il momento, quella dell’Istituto Superiore “Matteo Raeli” di Noto che, dopo numerosi disagi per mancanza di riscaldamenti, oggi è stato rifornito del gasolio necessario.

Nella vicenda è intervenuto il Comune di Noto, che ha deciso di provvedere momentaneamente a una prima fornitura del gasolio per permettere ai ragazzi di seguire le lezioni al caldo.

“Il Comune di Noto ci sta rifornendo di gasolio – ci ha spiegato il dirigente scolastico del “Matteo Raeli”, il dott. Concetto Veneziano -. Un ringraziamento va all’amministrazione. Siamo l’unica scuola della provincia, grazie all’intervento dell’amministrazione comunale”.

Il problema dei riscaldamenti riguarda molte province italiane. Gli studenti netini hanno denunciato i disagi, scioperando due giorni fa davanti al Municipio di Noto. Ieri la protesta è arrivata davanti alla sede dell’ex Provincia, nel capoluogo, dove si sono riuniti ragazzi provenienti da diversi paesi del Siracusano.

“Il Comune ha deciso di riempire la caldaia – ci racconta Piergiovanni Canto, rappresentante degli studenti al “Matteo Raeli” – in attesa che poi l’ex Provincia eroghi, come ha promesso, il gasolio tra circa dieci giorni. Dopo un’ora di contrattazioni siamo riusciti a far stanziare questi fondi, almeno per tutte le scuole che erano presenti ieri: Avola, Noto, Pachino e Rosolini. Al momento per noi ha provveduto il nostro sindaco”.

Un gesto che fa sicuramente onore all’amministrazione comunale, che ha deciso di accogliere la richiesta d’aiuto degli studenti.

“Io ho partecipato al colloquio – ci spiega Corrado Bonfanti, sindaco di Noto – che il Commissario del Libero Consorzio di Siracusa ha fatto con i ragazzi dei vari istituti. Mi sono reso conto della difficoltà che in questi ultimi anni sta affrontando il Libero consorzio. Ho creduto opportuno non lasciare nella banalità dello ‘scarica-barile’ una richiesta importante che riguarda i ragazzi, come la voglia di studiare in ambienti confortevoli. Considerando che l’esigenza era immediata, ho creduto opportuno intervenire come amministratore di questo Comune per i due plessi del Matteo Raeli”.

“Mi sono fatto carico del costo del gasolio – continua il sindaco -. Ovviamente chiederò il rimborso al Libero Consorzio. Non è nulla di eccezionale, è un processo di sussidiarietà che io condivido: quando un ente non può, ci deve essere l’altro che cerca di sopperire se c’è la possibilità di farlo. Rappresentiamo oggi un esempio importante per i nostri giovani, noi siamo lo Stato. Se ci possiamo aiutare e dire che c’è sempre una soluzione alle cose, ciò ha un impatto meno devastante rispetto al dire ai giovani che non ci sono soldi e che non possono essere aiutati. Siccome questo fa parte della mia filosofia di amministrare, mi sono convinto di questa necessità, non solo per permettere agli studenti di studiare in aule calde ma anche per dare un esempio forte”.


getfluence.com
In alto