Politica

Nuovo cda Sac, Vinciullo torna a protestare: “Composizione irregolare o è stato modificato lo statuto?”

SIRACUSA – “Stando all’ultimo Statuto, approvato il 29 aprile 2013 e pubblicato sul sito della Sac, dove non vi sono tracce di eventuale modifiche, il Consiglio di amministrazione della stessa società è irregolarmente composto”. Lo sostiene l’ex presidente della commissione Bilancio all’Ars, Vincenzo Vinciullo, che per primo aveva sollevato la questione dell’assenza di rappresentanti siracusani nel nuovo Cda della Società Aeroporto Catania (Sac) eletto lo scorso 29 aprile, nonostante la Provincia aretusea partecipi per il 25 per cento.

“Il terzultimo comma dell’art. 23 dello Statuto – motiva Vinciullo – prevede che “Il Presidente del Consiglio di Amministrazione e l’eventuale amministratore delegato devono essere scelti secondo criteri di professionalità e competenza tra persone che abbiano maturato un’esperienza complessiva di almeno un quinquennio attraverso le attività indicate dal primo comma del presente articolo. I restanti amministratori devono essere scelti tra i dipendenti delle amministrazioni pubbliche azioniste di SAC, fermi restando i requisiti di cui al comma 1”. Di conseguenza, ha proseguito Vinciullo, dal momento che solo il Presidente del Consiglio di amministrazione e l’eventuale Amministratore delegato possono essere scelti secondo criteri non rigidi e di liberalità, i tre rimanenti amministratori, invece, devono essere scelti solo tra i dipendenti delle Amministrazioni pubbliche che compongono l’Assemblea della Sac”.

“È chiaro – aggiunge l’ex parlamentare regionale siracusano – che, essendosi già insediato il Consiglio di amministrazione della Sac, i rappresentanti del territorio della provincia di Siracusa, se vogliono essere coerenti con quanto è stato discusso sabato mattina, nel corso di una pubblica manifestazione, devono predisporre tutti gli atti per impugnare il provvedimento davanti al Giudice competente. Così come avvenuto, positivamente, per l’Autorità portuale di Augusta, uno scatto di orgoglio sarebbe sicuramente salutare per la nostra Provincia che, con l’eventuale decisione positiva del Giudice, avrebbe la possibilità di essere presente, nuovamente, nel Consiglio di amministrazione attraverso un dipendente o della ex Provincia oppure della Camera di commercio di Siracusa”.

“Spero che questo appello – conclude Vinciullo – venga accolto e che si possa avviare un processo di riconquista dei nostri diritti. Nel caso in cui, invece, lo Statuto fosse stato modificato, sarebbe opportuno che la Sac, con tutte le risorse che ha a disposizione, aggiornasse immediatamente il suo sito”.


getfluence.com
In alto