Cronaca

Pachino, colpi di fucile contro un fruttivendolo, poliziotto ferisce l’uomo armato e lo arresta

PACHINO – È stato arrestato e infine tradotto nel carcere di Cavadonna l’uomo che ha esploso dei colpi di fucile a canne mozze contro un chiosco di ortofrutta di via Pascoli, intorno a mezzogiorno di ieri. Dovrà rispondere delle ipotesi di reato di tentato omicidio, resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale e porto illegale di arma da fuoco alterata e clandestina.

Le dinamiche della sparatoria sono state ricostruite a seguito di rapide indagini di polizia giudiziaria condotte dagli investigatori della squadra mobile di Siracusa e dei commissariati di Pachino e di Noto.

Secondo quanto emerso, l’uomo di 50 anni, già conosciuto alle forze di polizia perché accusato in passato di reati contro la persona, in materia di armi e contro il patrimonio, dopo aver avuto un diverbio con un commerciante 43enne, ha esploso tre colpi con un fucile a canne mozze con matricola abrasa all’indirizzo del chiosco di ortofrutta di quest’ultimo, che sarebbe riuscito a fuggire chiamando la Polizia.

Un equipaggio del commissariato di Pachino, intervenuto prontamente sul posto, ha intercettato il cinquantenne ancora armato del fucile, intimandogli di gettare l’arma. Uno dei due agenti ha esploso un colpo con la pistola d’ordinanza ferendolo al polpaccio, nel corso della colluttazione finalizzata a disarmarlo.

All’esito della colluttazione i due agenti hanno riportato una prognosi, rispettivamente, di 10 e 15 giorni. Il cinquantenne, immediatamente soccorso e trasportato in ambulanza all’ospedale per la ferita non grave alla gamba, ha ricevuto una prognosi di dieci giorni.

(Foto di copertina crediti: Ivan Sortino)


La Gazzetta Siracusana su facebook

LE CITTÀ DEL NETWORK

Copyright © 2023 La Gazzetta Siracusana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Cecilia Casole
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2016/2023 PF Editore

In alto