Archivio

Pachino, Il Gip convalida l’arresto di Melfi ma lo rimette in libertà con l’obbligo giornaliero di presentarsi dai Carabinieri

Fabrizio Melfi, ventenne pachinese, è comparso ieri mattina davanti al Giudice per le Indagini Preliminari Dott. Migneco perchè tratto in arresto nel pomeriggio di Giovedì scorso, con l’accusa di furto di energia elettrica, detenzione di materiale esplodente, ricettazione di un ciclomotore e di una targa di identificazione per ciclomotori (frutto di due distinti furti accaduti nelle scorse settimane a Pachino e Portopalo), nonchè per la detenzione di materiale e strumenti atto al confezionamento di proiettili.
Il GIP nel corso dell’udienza camerale ha ascoltato le ragioni del giovane pachinese che ha inteso rispondere per chiarire la sua posizione processuale.
Al momento delle richieste il rappresentante dell’accusa ha chiesto l’applicazione della misura degli arresti domiciliari, mentre la difesa ha fatto richiesta di applicazione di una misura meno afflittiva, evidenziando alcune inesattezze nella ricostruzione accusatoria in maniera tale che la posizione processuale dell’indagato si facesse meno pesante.
Il Dott. Migneco, al termine dell’udienza camerale, ha deciso di convalidare l’arresto, disponendo però la contestuale rimessione in libertà per l’indagato che, in attesa di ulteriori sviluppi, dovrà presentarsi giornalmente presso la Stazione dei Carabineri di Pachino per dare atto della sua presenza nel comune di residenza.


In alto