Primo piano

Pachino, trattore rubato e nascosto in un canneto, Polizia interrompe possibile “cavallo di ritorno”

PACHINO – Nella giornata di ieri, agenti della Polizia di Stato, in servizio al Commissariato di P.S. di Pachino, a seguito di una segnalazione di furto di trattore, si ponevano subito alla ricerca del mezzo.

Dopo aver attentamente perlustrato in auto le aree rurali, gli agenti hanno proseguito a piedi le loro ricerche, a causa della natura del terreno e della folta vegetazione e, infine, in contrada Burgio, occultato da un canneto, hanno trovato il mezzo asportato.

Il legittimo proprietario, che ne aveva segnalato telefonicamente il furto un’ora prima, è ritornato nuovamente in possesso del veicolo, ancor prima di presentare la denuncia formale, presso gli uffici del Commissariato.

La Polizia evidenzia che il rinvenimento del bene è importante perché interrompe sul nascere eventuali pretese estorsive con la strategia del “cavallo di ritorno“, pratica illecita diffusa anche nel territorio di Pachino. Infatti, il valore complessivo del trattore in questione, cabinato con annesso carrello, è pari a circa 70 mila euro.

L’attività del Commissariato di Pachino, con finalità preventiva e repressiva, si intensificherà anche nei prossimi giorni, in tutte quelle aree periferiche e di campagna ove maggiore è il rischio di reati di natura predatoria, per evitare la reiterazione di eventi criminosi dello stesso genere.

(Foto in evidenza: repertorio)


In alto