Elezioni amministrative 2018

Siracusa, amministrative, al Santuario confronto tra tutti i candidati a sindaco: tre risposte e appello finale [Video]

SIRACUSA – Tre domande redatte dalla Consulta delle aggregazioni laicali. E tre minuti di tempo ciascuno per le risposte. I sette candidati a sindaco di Siracusa hanno tenuto ieri sera un confronto pubblico nel salone “Giovanni Paolo II” del Santuario della Madonna delle Lacrime.

A coordinare gli interventi Raffaele Gurrieri, segretario della Consulta. In apertura, i saluti del rettore, don Aurelio Russo, che ha ricordato come la politica sia spirito di servizio e che i cristiani impegnati nella cosa pubblica hanno il dovere di servire la comunità con il massimo impegno e senza tornaconti personali. “Lo ha detto anche Gesù – ha esclamato il rettore – chi vuol essere il più grande tra voi, sia servo di tutti. Auguro al prossimo sindaco di Siracusa di agire secondo questa linea guida”.

L’incontro è stato organizzato anche sulla scia delle parole pronunciate dall’arcivescovo monsignor Salvatore Pappalardo lo scorso 6 maggio, in occasione della festa del patrocinio di Santa Lucia, durante il quale ha esortato i candidati a Palazzo Vermexio a guardare con particolare attenzione a chi vive nel degrado e nella povertà.

Don Aurelio Russo ha aperto dunque ufficialmente i lavori di un appuntamento che si è rivelato molto interessante. Presenti tutti i candidati, segnatamente Fabio Granata, Francesco Italia, Francesco Midolo, Fabio Moschella, Giovanni Randazzo, Ezechia Paolo Reale e Silvia Russoniello. Poi le risposte alle tre domande, che hanno riguardato legalità, turismo e sostegno alle fasce deboli della popolazione. Infine, sono stati concessi due minuti di tempo ai candidati candidato per spiegare le ragioni per le quali hanno deciso di correre per la carica di sindaco e perché chiedono di essere votati.

Ecco il video del confronto trasmesso in diretta streaming dall’Arcidiocesi di Siracusa.


In alto