News

Siracusa, ancora lunghe code all’hub vaccinale: c’è chi rinuncia. Da domani nuovi volontari in campo

SIRACUSA – L’Asp ha annunciato interventi per rendere più confortevole l’attesa, ma intanto anche oggi si sono registrate lunghe code assembramenti. Non migliora la situazione all’hub vaccinale di via Nino Bixio a Siracusa, raggiunto stamattina da centinaia di persone, che hanno aspettato pazientemente il loro turno, formando file di parecchie decine di metri.

I gazebo installati nei pressi dell’ingresso non sono stati sufficienti a proteggere gli utenti dalle intemperie, considerato che freddo e vento hanno sferzato la città per tutta la mattinata. Alcuni hanno così desistito, preferendo rinunciare alla somministrazione del vaccino e tornare a casa, non senza aver sbuffato nei confronti di un’organizzazione ritenuta tutt’altro che impeccabile. Una situazione dettata probabilmente anche dal fatto che c’è a volte chi si presenta con abbondante anticipo rispetto all’orario previsto, ignorando i continui appelli dell’Asp a recarsi sul posto non oltre 15 minuti prima dell’appuntamento programmato. La Polizia municipale e la Protezione civile hanno faticato non poco per invitare i presenti a rispettare le distanze e a indossare in maniera regolare i dispositivi di protezione personale.

Attesa lunga ed estenuante questa mattina ma da domani qualcosa potrebbe finalmente cambiare anche perché a dar manforte ai volontari della Protezione civile ci saranno anche quelli della neonata Rete civica della salute, che entreranno ufficialmente in servizio, Il coordinatore provinciale Andrea Romano, quello cittadino Antonio Lentinello e un altro volontario saranno in via Bixio dalle 9 alle 12 per dare una mano in termini di ordine pubblico ma anche per indirizzare i presenti verso le 24 postazioni vaccinali. Sono una dozzina i volontari che a turno garantiranno la loro presenza. L’obiettivo è di fare in modo che la situazione possa tornare celermente alla normalità e anche per questo gli utenti saranno invitati a tornare a casa se si saranno presentati con troppo anticipo rispetto all’orario previsto. E tra non molto anche il Pala Lo Bello potrebbe essere destinato ad hub vaccinale. Il Circolo Canottieri Ortigia, che gestisce l’impianto, ha dato in tal senso la sua disponibilità.


In alto