News

Siracusa, assegnati al Comune 5 milioni di euro da Fondo Viminale crisi enti locali per emergenza Covid

SIRACUSA – Dei 3,5 miliardi di euro stanziati dal Viminale per il 2020 per fronteggiare la crisi finanziaria in cui si sono imbattuti gli enti locali a seguito dell’emergenza Covid, ai comuni della provincia aretusea toccano 12 milioni 684 mila euro, e in particolare al capoluogo Siracusa 5 milioni 14 mila euro.

Si tratta del Fondo per l’esercizio delle funzioni fondamentali degli enti locali (comuni, province e città metropolitane) istituito il 19 maggio con decreto del ministero dell’Interno, di concerto con il Mef, e la cui dotazione finanziaria, ripartita con criteri e modalità stabiliti con successivo decreto del 16 luglio (previa intesa in sede di Conferenza Stato-città e autonomie locali), serve a concorrere ad assicurare agli enti locali le risorse necessarie per l’espletamento delle funzioni fondamentali anche in relazione alla possibile perdita di entrate connesse all’emergenza Covid-19.

“Si tratta di stanziamenti governativi su base proporzionale, per permettere ai Municipi del siracusano di fronteggiare il contraccolpo economico legato all’emergenza Covid. Il governo ha così pensato di destinare somme che potessero compensare le perdite da minori entrate, come nel caso della tassa di soggiorno e delle concessioni di suolo pubblico, ed altri fondi per garantire il mantenimento delle funzioni fondamentali dei Comuni”, fa sapere in un comunicato il deputato pentastellato siracusano Paolo Ficara.

Al Comune di Siracusa, quindi, oltre all’acconto di 1 milione 593 mila euro e al saldo di 2 milioni 733 mila euro per le funzioni fondamentali, sono stati assegnati anche 296.187 euro per ristoro tassa soggiorno, 238.156 euro per ristoro esenzione Imu, 153.024 euro per ristoro suolo pubblico.


getfluence.com
In alto