Politica

Siracusa, Candelari (FI): “Luigi Cadorna non merita vie e piazze. Si intitoli quel viale a Papa Giovanni Paolo II”

SIRACUSA – “A poco più di un anno dalla prima delibera che proponeva il cambio di toponomastica del Viale Luigi Cadorna, rimasta tuttora inascoltata, il Consiglio di Quartiere Santa Lucia ha nuovamente deliberato all’unanimità per tentare di correggere un falso storico durato anche troppo tempo: Luigi Cadorna non è un eroe, bensì un criminale di guerra della peggior specie. Un uomo per il quale i fanti italiani, per lo più ventenni, furono nient’ altro che carne da cannone”, lo dichiara Francesco Candelari, esponente di Forza Italia e vice presidente del quartiere Santa Lucia di Siracusa.

“L’Italia ha mobilitato lo stesso numero di soldati della Gran Bretagna, ma la quantità dei condannati a morte è stata tre volte superiore a quella di tutti gli altri paesi belligeranti – prosegue l’azzurro -. Nei tre anni del suo comando Cadorna parlò e decise per tutti. Il suo potere, così vasto e assoluto causò solo sul fronte dell’Isonzo la morte di oltre 900 mila ragazzini in divisa grigioverde, solo per conquistare pochi chilometri quadrati di territorio. La proposta del Consiglio è quella di intitolare la strada che costeggia il Santuario della Madonna delle Lacrime a Giovanni Paolo II, il Pontefice che inaugurò il santuario Mariano”. Non ci sarà alcun costo per i cittadini – conclude Candelari – visto che il Comune registra d’ufficio la variazione in relazione alle attività di propria competenza e invia a ciascun residente un’apposita dichiarazione che va conservata insieme alla patente di guida e alla carta di circolazione, senza nessun altro adempimento, identica procedura prevista dalla circolare del Ministero dei Trasporti. Stessa comunicazione automatica da parte del Comune andrebbe ai gestori delle diverse utenze e alle Poste Italiane”.


In alto